Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:25 METEO:PONTEDERA9°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 30 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Firenze, assalti con esplosivo agli sportelli bancomat: ecco come agivano

Cultura mercoledì 05 febbraio 2014 ore 14:00

​Dal G8 all’antimafia sociale, al liceo XXV Aprile si parla di diritti

In corso la settimana alternativa organizzata dagli studenti dell’istituto di Pontedera, lezioni e dibattiti sui temi d’attualità poco affrontati in classe



PONTEDERA — Dal diritto di libera espressione ai basilari diritti individuali, fino a quelli sociali, di eguaglianza e di vita comunitaria. Dal G8 di Genova al sovraffollamento delle carceri, dal femminicidio alla mafia. Questi gli argomenti affrontati dai ragazzi del liceo classico e scientifico “XXV Aprile” di Pontedera durante la settimana alternativa in atto proprio in questi giorni fra scuola, teatro Era e Cineplex.

Cinque giorni di incontri, dibattiti e lezioni che raccolgono il grande tema dei diritti contenuti nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo del 1948. Un documento promosso dall’Onu e scritto sull’onda dell’indignazione per le atrocità accadute durante la Seconda Guerra Mondiale che sancisce differenti concetti di dignità lungo un dibattito filosofico e politico che attraversa i millenni.

Temi lontani appunto, ma anche drammaticamente vicini come l’episodio dell’irruzione della polizia nella scuola di Genova durante la conferenza del G8 nel 2001 che i liceali hanno affrontato guardando il film Diaz, non pulite questo sangue. “Un documentario d’impatto – ha detto la rappresentante d’istituto Giuliana Cenzatti – che i ragazzi hanno apprezzato e criticato, ma che comunque li ha messi a conoscenza di un episodio realmente accaduto e li ha fatti riflettere”. Altri temi affrontati durante questa particolare attività didattica ormai diventata iniziativa curriculare sono stati il sovraffollamento delle carceri e i diritti dell’uomo. “Per il primo – hanno continuato i rappresentanti degli studenti – abbiamo chiamato alcuni delegati della Camera Penale di Pisa che ci hanno parlato del problema anche con l’aiuto di video e testimonianze. Per l’altro invece, ha fatto lezione un volontario di Amnesty International differenziando gli interventi dedicati ai liceali del biennio o del triennio”.

Una degli aspetti su cui ha lavorato Giuliana assieme agli altri rappresentanti Émilie Rossi, Alberto Gronchi e Leonardo Rossi è stato infatti quello di rendere partecipi in maniere diverse le due fasce d’età. “Tutti – ha spiegato Émilie – hanno documenti a disposizione e tempo per dibattito in classe. Per adesso la partecipazione è alta anche durante gli incontri”.

Prossimi appuntamenti fissati per giovedì 6 e venerdì 7 febbraio saranno incentrati uno sul femminicidio, per il quale è organizzato uno spettacolo della compagnia teatrale di Santa Maria a Monte Vivi Teatro e il contributo dell’associazione Eunice; l’altro affronterà l’antimafia sociale e si svolgerà nell’istituto con la collaborazione degli ElectroDomesticForce e dell’Arci che coinvolgeranno i ragazzi nel progetto Colorando il buoi che realizza murales nei terreni e beni confiscati alle mafie.

Anna Dainelli
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono 6 i Comuni del territorio che, nelle ultime 24 ore, hanno registrato nuovi casi di positività al coronavirus. Il dettaglio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Lando Desideri (Il tassista)

Domenica 28 Novembre 2021
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS