Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:PONTEDERA13°26°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 21 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Azovstal, il ministero della Difesa russo rilascia il video della resa degli ultimi soldati

Attualità giovedì 14 marzo 2013 ore 18:10

Don Armando esulta per la nomina di Francesco I



Il parroco di Perignano vede nel nuovo pontefice la risposta a molti problemi del nostro tempo


LARI - “Sono contento dell'elezione di questo Pontefice, il nome evoca ciò di cui credo ci sia bisogno in questo momento, sono veramente contento”. L'elezione a Pontefice di Jorge Mario Bergoglio con il nome di Francesco I è stata accolta con grande entusiasmo da don Armando Zappolini, il parroco di Perignano, ma anche un esponente di spicco di tanti movimenti etico-religiosi rivolti alle emergenze sociali del nostro tempo come Libera e il coordinamento nazionale della Comunità di accoglienza. “Il nome di Francesco – continua Zappolini parlando del nuovo pontefice – evoca un'apertura su tanti temi che la chiesa deve ancora affrontare”. E non è difficile intuire che il parroco di Perignano parlando di apertura pensi a molte questioni come quella delle coppie di fatto o il rapporto tra chiesa e mondo della finanza per citare alcune della questioni più delicate. “Credo che Francesco I sarà un Papa che porterà la chiesa ad avere un atteggiamento più dialogante, più aperto verso il nostro tempo per aiutare chi veramente è in difficoltà. Da cardinale infatti ha dimostrato una grande sensibilità in Argentina su molte questioni difficili dalla crisi economica indotta dalle speculazioni finanziarie, alla miseria delle popolazioni. "Credo – dice Zappolini - con voce velata di emozione - che avremo un'apertura, un atteggiamento dialogante, verso tutte quella richieste che arrivano dalla società civile, proprio come ha fatto durante la sua reggenza in Argentina”. E su questo non c'è dubbio, Papa Francesco primo nel nuovo mondo da cardinale, ordinato sotto il pontificato di Giovanni Paolo II, spesso è stato vicino ai più deboli e nel mezzo delle emergenze sociali. In passato ha dimostrato spirito carità, ma soprattutto ha avuto un atteggiamento attivo verso i problemi nella piena tradizione gesuita, ordine da cui proviene. “Con il pontificato di Francesco primo – conclude don Armando - potrebbero cambiare molte cose nello spirito di accoglienza degli uomini da parte della chiesa e inoltre anche nella crisi economica che sta attraversando l'Italia e il mondo, questo Pontefice avrà un atteggiamento di correttezza morale e di recupero dei valori cristiani”.

Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto a Peccioli, nella strada che costeggia il lago della Piappina. Richiesto l'intervento anche dell'elisoccorso Pegaso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Cultura

Cronaca