QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 17°18° 
Domani 12°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 22 settembre 2019

Cronaca giovedì 05 giugno 2014 ore 22:45

Don Ciotti e l'edicola contro la mafia

Dall'illegalità sorge un'attività simbolo della risposta alle mafie in Borgo Stretto il fondatore di Libera richiama alla responsabilità dei cittadini



PISA — “Il problema non sono la mafia e i corrotti, il problema siamo noi. Possibile che gli italiani non riescano a cambiare le cose? Il tema non è allora la legalità ma la responsabilità di ciascuno di noi nel denunciare”.

Don Ciotti a Pisa in occasione dell'inaugurazione dell'edicola sequestrata alla mafia e oggi riconsegnata a una cooperativa che la utilizzerà a scopi sociali non esitare e non risparmia critiche a nessuno. Prima di inaugurare l'edicola di Borgo Stretto che dovrà essere un simbolo della rinascita dopo che è stata sequestrata a un soggetto ritenuto dalla procura distrettuale antimafia di Firenze vicino alle cosche, il fondatore di libera ha tenuto una lectio magistralis in cui a esaminato con lucidità e senza falsi pudori il problema della corruzione e della mafia. In provincia di Pisa uno dei più stretti collaboratori di Libera è don Armando Zappolini, parroco di Perignano impegnato da decenni nella lotta contro le mafie e le tossicodipendenze.

Ciotti ha anche aggiunto: “In Italia serve una legge vera contro la corruzione non una mezza legge come è adesso”. Ma soprattutto la gente non deve essere indifferente. Poi don Luigi Ciotti ha avuto parole di stima per la Toscana e per i Toscani che hanno saputo reagire, ora spetta ancora un volta alla toscana e in particolare ai pisani far vivere e crescere l'edicola di Borgo Stretto simbolo della risposta della società contro la malavita.



Tag

Conte ad Atreju: «Una tassa su merendine e voli è praticabile»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Sport