comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 17°27° 
Domani 14°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 24 settembre 2020
Giani
863.615
 
48.62%
Ceccardi
718.605
 
40.46%
Galletti
113.692
 
6.40%
Vigni
7.664
 
0.43%
Fattori
39.668
 
2.23%
Barzanti
16.061
 
0.90%
Catello
16.992
 
0.96%

— il Blog di

Europa vuol dire sviluppo e opportunità, soprattutto in Toscana

di - venerdì 18 luglio 2014 ore 11:08

Europa uguale opportunità, crescita, sviluppo. Grazie ai fondi europei le singole regioni sono in grado di realizzare bandi e creare possibilità importanti per permettere a imprese, piccole o grandi, o start up di investire sul loro futuro e a giovani di formarsi. 

Quello che fa la Toscana però è un unicum nel panorama nazionale

E’ stata infatti la sola regione italiana a anticipare, con risorse proprie, l’avvio del nuovo ciclo di programmazione comunitaria 2014-2020, con uno stanziamento di 82 milioni di euro. Grazie a questa decisione possono essere messi in campo fin da ora strumenti ottimali per favorire l’innovazione del nostro sistema produttivo, come i tre bandi presentati dal presidente Rossi e dall’assessore Simoncini che mettono a disposizione contributi per progetti di ricerca e sviluppo per imprese di grandi, medie e piccole dimensioni, anche associate. Sono bandi che si rivolgono quindi a soggetti economici dinamici, in grado di fare da motore per un rilancio, e che qui in Toscana non mancano, come già avevano fatto emergere i dati Irpet sulla situazione economica regionale, sottolineando la presenza di uno zoccolo duro di oltre 3000 aziende che nonostante la crisi avevano fatto passi in avanti.

Competitività e crescita sono anche due tra le parole chiave per la Presidenza Italiana del Consiglio dell’Unione europea. 

Tra i punti principali del programma c’è proprio infatti la necessità di migliorare la competitività industriale, di creare maggiori opportunità di lavoro e un migliore contesto imprenditoriale, grazie a un uso efficace delle risorse comunitarie. L’Europa guarda anche ai giovani e alla realizzazione di nuove possibilità di formazione e inserimento occupazionale. Il programma europeo Garanzia Giovani ha proprio questi obiettivi, gli stessi che da anni la Toscana porta avanti grazie al progetto Giovani sì: ora sarà possibile quindi integrare e ampliare l’offerta per i giovani toscani tra i 15 e i 29 anni che non studiano o non lavorano. 

Giovani sì ha raggiunto risultati sorprendenti nei sui tre anni di “vita”: 14.251 tirocini rimborsati a giovani tra i 18 e i 29 anni, fino a febbraio 2014, 4,223 giovani che hanno partecipato al servizio civile regionale, oltre 80.000 giovani coinvolti tra borse di studio e assegni di ricerca, per fare alcune cifre. Lo stesso commissario europeo Andor lo scorso giugno ha ammesso che il progetto toscano ha fatto da apripista a quello europeo di Garanzia Giovani.

Ma il risultato più importante è un altro: grazie allo stanziamento per Garanzia Giovani alla Toscana arriveranno altri 35 milioni di euro da investire in formazione e possibilità di occupazione. 

A riprova del fatto che l’Europa può e deve rappresentare possibilità di crescita.


 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Sport

Attualità

Attualità