Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:46 METEO:PONTEDERA18°28°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 02 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Jacobs: «Sono solo nato in Texas, l'Italia è la mia Nazione». Tamberi: «Sono l'uomo più felice al mondo»

Spettacoli mercoledì 09 giugno 2021 ore 11:30

Renga e Ferreri alle 11 Lune di Peccioli

Presentato al Teatro La Pergola il programma della rassegna di Luglio ed il cartellone dell'edizione 2021 di Festivaldera con Toni Servillo



FIRENZE — Lunedi 19 luglio Francesco Renga salirà sul palco di Fonte Mazzola ed il 27 dello sarà la volta di Giusy Ferreri.

L'ufficialità della presenza degli artisti ad "11 Lune" è stata confermata stamani dal Sindaco di Peccioli Renzo Macelloni e da quello di Pontedera Matteo Franconi nel corso della conferenza stampa al Teatro La Pergola di Firenze dove è stato presentato anche il cartellone di "Festivaldera" organizzato da Teatro della Toscana e Teatro Era.

Nell'intento comune di far crescere il territorio della Valdera in termini culturali, sociali ed economici, due eccellenze come "Festivaldera" e "11 Lune" si sono unite in una collaborazione artistica con l'organizzazione della Fondazioni Pecciolliper e Teatro della Toscana, con il patrocinio dei Comuni di Peccioli e di Pontedera e il sostegno di Belvedere spa e Fondazione Pisa. Gli spettacoli avranno luogo sia nella sede del Teatro Era di Pontedera che negli spazi degli Anfiteatri Fonte Mazzola di Peccioli e Triangolo Verde di Legoli. 

"Festivaldera 2021 - Poco più che persone", diretto da Marco D'Amore, inizierà il 27 Giugno al Teatro Era di Pontedera con Luca Zingaretti in "Angelo"  e terminerà il 12 Luglio con Toni Servillo all'anfiteatro Triangolo Verde nella discarica di Legoli che porterà in scena lo spettacolo teatrale "Candido". Fabrizio Gifuni con "Italo" è previsto per il 30 giugno. Il 5 luglio sarà la volta di "Greta" con Vittoria Puccini e l'8 luglio è lo stesso direttore artistico Marco D'Amore a vestire i panni dell'attore con lo spettacolo "Salvo". 

Soggetto e drammaturgia dei cinque spettacoli presentati, sono firmati da Michele Santeramo, già conosciuto al pubblico del festival. Con quest'anno Santeramo chiude infatti una trilogia iniziata nel 2019 legata al territorio ospitante e ai suoi personaggi: "L'idea è quella della serialità: ogni racconto fa parte di un macro storia più ampia  e riconoscibile in ognuno dei cinque spettacoli nei quali gli attori interpretano dei personaggi coinvolti in quella storia ma ogni episodio rimane comunque autonomo e fruibile singolarmente" ha dichiarato lo stesso autore presente alla conferenza stampa.

"Il tema è doppio: si continua a indagare nella direzione già presente nelle precedenti edizioni riguardo la mercificazione delle persone ma si aggiunge una riflessione nata nei mesi della pandemia su un sentimento perduto o forse solo nascosto quale quello dell'innocenza, il cui recupero è individuato come un elemento di aiuto per affrontare la violenza e il dramma insiti in questo momento storico." Il consiglio rimane quello di vederli e ascoltarli tutti compreso "Tutto l'amore di cui siamo capaci". Scritto dal medesimo autore è una produzione della Fondazione Teatro della Toscana con Lorenzo Gioielli (anche regista) e Greta Bandinelli. 

La musica, curata da Marco Zurzolo, riveste un ruolo importante nel festival: "Ogni città, ogni luogo ha il proprio suono che lo identifica, come ce l'hanno le storie - è intervenuto il sassofonista e compositore napoletano - E' compito della cultura offrire il giusto suono alle nostre storie". La direzione artistica di Marco D'Amore, noto per la serie tv Gomorra, al suo secondo anno come direttore artistico del festival, porta con sé la convinzione che "la cultura contenga una doppia impresa: quella che cerca di organizzarsi per dare lavoro e quella che fatica intorno alla costituzione di un'idea artistica da passare come esempio per tutti" - ha detto a chiare lettere D'Amore - "Un intento non facile quello del teatro ma come diceva Goethe: 'Vorrei che il palcoscenico fosse sottile come la corda di un funambolo, così chi non è preparato non ci si avventurerebbe' ". 

Nel segno della speranza per la ripartenza, "11 Lune" apre il cartellone giovedì 1 luglio con l'inaugurazione di un luogo simbolico il Palazzo Senza tempo, un antico edificio in stato di abbandono e degrado, protagonista di una riqualificazione, del valore di circa sei milioni di euro, ad opera dello studio MCA di Mario Cucinella col sostegno della Belvedere spa. 

Nel segno della musica il primo spettacolo previsto per il 4 luglio, è "Storie della buonanotte per bambini ribelli" tratto dall'omonimo best-seller di Elena Favilli e Francesca Cavallo con l'attrice e cantautrice Margherita Vicario, la regia di Francesco Frangipane e la direzione dell'Orchestra OMA - orchestra multietnica di Arezzo di Enrico Fink. 

Altro segnale di entusiasmo viene dalle oltre 700 richieste di partecipazione per il workshop di giornalismo curati dal Post di Luca Sofri curatore del progetto giunto alla sua terza edizione. Docente ospite di quest'anno Paolo Cerasa, direttore del quotidiano Il Foglio. A chiudere la rassegna il 30 luglio uno spettacolo prodotto dalla Fondazione Teatro della Toscana "La donna volubile" di Carlo Goldoni con la regia di Marco Giorgetti e in scena gli allievi della scuola Oltrarno diretta da Pierfrancesco Favino.

Elisa Cosci
© Riproduzione riservata

SERVIZIO - PRESENTATI I CARTELLONI DI 11 LUNE E FESTIVALDERA
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nuove positività in 6 comuni del territorio. Non si registrano nuovi decessi collegabili al virus. In Toscana i nuovi positivi sono 702
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Maria Grazia Balbiani Ved. Priami

Domenica 01 Agosto 2021
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

STOP DEGRADO

Cronaca

Attualità

Attualità