Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:10 METEO:PONTEDERA14°27°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 24 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Onorificenza a Liliana Segre, Casellati si commuove: «Lei ha trasformato l'orrore in memoria»

Attualità venerdì 11 giugno 2021 ore 17:15

Odissea Fipili, utenti verso la class action

Tutti in coda in Fipili
Tutti in coda in Fipili

Hanno ogni intenzione di chiedere i danni per i disagi subiti pendolari e viaggiatori della superstrada che starebbero preparando un'azione penale



FIRENZE — Le odissee lungo la superstrada Firenze-Pisa-Livorno potrebbero trovare una sponda giudiziaira. Hanno infatti ogni intenzione di chiedere i danni per i disagi subiti attraverso un'azione collettiva penale, una class action, i pendolari e i tanti utenti che quotidianamente percorrono l'arteria rimanendo spesso ostaggi di code e ritardi.

L'iniziativa sarebbe stata promossa a partire da un nucleo di cittadini tra Lastra a Signa ed Empoli per poi allargarsi a macchia d'olio tra i dannati della Fipili, ancor più disagiata dopo la frana dei mesi scorsi per ripristinare la quale è aperto un cantiere nel tratto Ginestra-Lastra a Signa della Sgc, con restringimento di carreggiata. 

I cittadini vogliono individuare i responsabili e si sono affidati agli avvocati Alberto Corsinovi e Federico Bagattini. Da parte della politica dà loro ragione il capogruppo di Forza Italia Marco Stella, che invita l'assessore alle infrastrutture Stefano Baccelli a riferire in aula.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Vigili del Fuoco sul posto per spegnere il rogo. Una persona ustionata è stata soccorsa dal 118. Ad andare a fuoco una tappezzeria
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

CORONAVIRUS

Cultura

Attualità