QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 17°24° 
Domani 15°19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 24 ottobre 2019

Cronaca martedì 10 marzo 2015 ore 08:15

Fu accusato di aver bruciato un blindato, libero

Dopo 3 anni e mezzo di carcere, Carlo Seppia è stato riconosciuto innocente per i fatti accaduti a Roma alla manifestazione degli indignados nel 2011



PALAIA — Accusato di devastazione, ha scontato una detenzione di tre anni e mezzo, ma ieri la Corte d’Appello ha riconosciuto Carlo Seppia non colpevole e rimesso in libertà.

Lo studente di 29 anni originario di San Miniato ma residente a Palaia, fu arrestato a Roma in piazza San Giovanni in seguito a una manifestazione degli Indignados del 15 ottobre 2011. Grazie a una foto pubblicata da un quotidiano, venne arrestato il 28 ottobre a San Miniato per resistenza aggravata a pubblico ufficiale e devastazione. In attesa del processo di secondo grado, trascorse gli arresti domiciliari in un’abitazione a Toiano, frazione di Palaia. Qui, a giugno 2013, durante un controllo dei carabinieri, gli agenti non lo trovarono in casa e il giovane fu perciò denunciato per evasione. Atto che gli costò la revoca dei domiciliari e il ripristino da parte della Corte d’Appello di Roma della custodia cautelare in carcere.

Da ieri, dopo una lunga battaglia giudiziaria, Seppia è stato assolto dalla Corte di Appello perché il fatto non sussiste, sia dal reato di resistenza aggravata a pubblico ufficiale che dal reato di devastazione. 



Tag

Manovra, Fioramonti: "Sono preoccupato, risorse per la scuola sembrano poche"

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Politica

Sport

Lavoro