Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:25 METEO:PONTEDERA14°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 25 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Atleta iraniano di MMA prende a calci ragazza che non indossa il velo

Cultura giovedì 06 novembre 2014 ore 16:15

Quel castello ritrovato nei sotterranei del paese

Su Storie Locali, una ricerca dell'arch. Tempestini su Sancta Mariae ad Montem, famosa per le sue fortificazioni. Le lotte tra fiorentini e lucchesi



SANTA MARIA A MONTE — È in distribuzione in tutte le edicole del territorio e anche in alcune librerie, il nuovo numero del periodico trimestrale “Storie Locali” edito dall’omonima associazione culturale, con sede in via Carducci.

Tra i tanti e interessanti articoli in sommario, c’è da sottolinearne uno: quello a firma dell’architetto Silvio Tempestini, che ha per titolo: “Il castello ritrovato”. Ovvero: Santa Maria a Monte sotterranea 2014.

Scrive Tempestini, che alla professione di architetto affianca quelle di attento studioso di storie locali, ricercatore e fine divulgatore. “In cinquecento anni, tanto è durata l'Era di Mezzo, Sancta Mariae ad Montem è passata da essere una piccola fortificazione di pali messi intorno a una modesta chiesa, dedicata a Maria e costruita sull'apice della collina, a essere un castello formidabile con tre giri di mura merlate in cui svettavano magnifiche torri da difesa squadrate e dipinte di bianco. Un castello famoso in tutta la Toscana”.

Formidabile non solo nelle sue strutture militari ma anche nelle sue chiese, nella sua architettura e specialmente nella sua forma urbana di grande chiocciola.

“Per tutto il Medioevo – riprende Tempestini – il castello si è perfezionato, sviluppato e fortificato magistralmente tanto che i fiorentini lo presero a Lucca solo per tradimento. Ma, cosa strabiliante e insospettata, si è sviluppato anche sottoterra. Di sopra le sue vestigia sono ancora percepibili e rintracciabili nel tessuto architettonico odierno, nonostante la distruzione sistematica avvenuta a partire dal XIX secolo. Basterebbe osservare e leggere attentamente l'architettura antica, la quale è semplice e chiara, facilmente individuabile nei meandri del borgo”.

Ma quello che c'è di sotto, il castello perduto, è “entusiasmante, stupefacente ed eccezionale – secondo Tempestini –: pozzi per cercare l'acqua sgorgante, cisterne per raccoglierla e conservarla, cunicoli voltati e vie di fuga extramoenia, pavimentazioni, volte a botte e ambienti quotidiani”.

In tutto questo tempo, i nostri antenati, i castellani, hanno pazientemente e mirabilmente creato un altro borgo sottoterra in modo che fosse garantita la sopravvivenza, l'acqua, la fuga e magari la vita quotidiana in caso di assedio. Gli uomini dell'Età di Mezzo si son fatti minatori, architetti e ingegneri idraulici nonostante abitassero in case di legno e paglia, vestissero di stracci e mangiassero cipolle e poco altro.

“Il paese sotterraneo sta ritornando fuori dopo un lungo tempo di dimenticanza e di scelleratezza moderna: ed è affascinante. Forse la parola giusta è: impensabile. Architettura sommersa e inaspettata. Gli ambienti sotterranei recuperati sino ad ora stravolgono lo scetticismo dei paesani attuali, i loro pensieri e le loro convinzioni circa il fatto che Santa Maria a Monte non meriti visita e dignità – si sottolinea –.Tuttavia, come sempre accade, è la storia che parla, nei testi antichi dell'Anno del Signore 906, per la prima volta in Toscana, appare l'appellativo castellum. Castellum Sanctae Mariae in loco dicitur Montem: non in altri posti o borghi”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nella mattinata uno scontro che ha causato il ferimento di tre persone: tra queste un giovane di 29 anni è stato trasportato d'urgenza a Pisa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità