Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:39 METEO:PONTEDERA17°30°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 19 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Ardea, la madre del killer Pignani: «Come si può arrivare a tanta ferocia? Il gesto di mio figlio non può essere giustificato»

Attualità martedì 22 settembre 2015 ore 06:30

Il Comune contro il razzismo, anche sul web

L'Amministrazione calcinaiola in prima fila in Italia nella campagna #nohatespeech. Ciampi: "I social network non devono essere serbatoio di odio"



CALCINAIA — Il Comune di Calcinaia è #nohatespeech, contro il razzismo, a voce alta, anche sul web. Prima e al momento unica amministrazione locale in tutta Italia ad aver aderito alla campagna internazionale contro i discorsi d’odio che si propagano attraverso la rete e i social media, il Comune calcinaiolo ribadisce così il suo impegno nella lotta al razzismo e alla discriminazione.

Che cos’è #nohatespeech?

#nohatespeech (no ai discorsi d’odio) è una campagna lanciata a livello internazionale daAssociazione Carta di Roma insieme alla European Federation of Journalists e Articolo 21, con l’adesione dell’Ordine dei Giornalisti,della Federazione nazionale della Stampa Italiana, dell’Usigrai e di centinaia di altri soggetti, tra cui testate giornalistiche, associazioni, personaggi di rilievo del mondo dello spettacolo e dell’informazione.

L’obiettivo è quello di contrastare il razzismo nelle sue nuove forme di diffusione: quelle “virtuali”, più subdole e virali, che si propagano a gran velocità attraverso internet, avvalendosi in particolar modo dei social network e di tutti quei “cyber-spazi” aperti ai commenti degli utenti. #nohatespeech invita tutti gli amministratori di simili mezzi di comunicazione intervenire, per evitare che le realtà virtuali diventino “terra di nessuno”, megafoni di odio razziale e di dichiarazioni discriminatorie.

Calcinaia, primo Comune #nohatespeech

Il Comune di Calcinaia aderisce alla campagna in quanto amministratore di profili social, tra cui Facebook, Twitter e Instagram. L’impegno, presente fin dal momento della nascita sui vari social network delle pagine istituzionali dedicate al Comune, è quello di gestire simili strumenti in maniera responsabile, stigmatizzando e contrastando gli eventuali casi di “cyber – razzismo” in tutte le sue forme.

“Internet, e nello specifico i social network – dichiara il sindaco del Comune di Calcinaia, Lucia Ciampi -, non possono e non devono diventare un serbatoio di odio razziale. Pubblicare in rete commenti o post razzisti, magari servendosi dei profili pubblici e istituzionali di enti o testate giornalistiche, non significa esercitare la propria libertà di opinione, ma offendere l’intera comunità e falsificare la realtà”.

“Proprio per questo motivo l’amministrazione comunale di Calcinaia – continua il sindaco Ciampi - aderisce alla campagna #nohatespeech. Le istituzioni non possono tirarsi indietro di fronte a fini tanto importanti, in difesa di valori costituzionali e universali su cui si fonda la convivenza civile”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il furto è avvenuto al ponte alla Botte, dove sono sparite sei vaschette di fiori che abbellivano la zona. La rabbia del sindaco
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Francesca Viscariello

Venerdì 18 Giugno 2021
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità