QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16°27° 
Domani 15°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 23 ottobre 2019

Attualità domenica 28 dicembre 2014 ore 10:15

"In questo paese non siamo sicuri"

Lo sfogo di Elena Cavallini dopo che i ladri hanno tentato di entrare nel suo negozio: "Per paura che tornassero ho dormito dentro il centro estetico"



PONSACCO — Qui a Ponsacco non c'è sicurezza, quasi ogni giorno i ladri fanno visita in qualche abitazione, addirittura in una casa sono entrati tre volte in una settimana”. A Elena Cavallini non hanno rubato niente, perché non hanno fatto in tempo. Ma rimane il vetro infrangibile rotto, le notti passate dentro il negozio per la paura che i ladri potessero tornare e passare da quella fessura che non era ancora stata riparata e soprattutto la sensazione di insicurezza.

Elena Cavallini è la titolare di Kalos in via dei Mille a Ponsacco, ed è incredula per quanto accaduto nella notte tra il 20 e il 21 dicembre, quando i ladri hanno provato a entrare nel suo centro estetico cercando di sfondare la porta d'ingresso con una grossa pietra: “Hanno provato a sfondare la porta con una pietra, mi domando come nessuno dei vicini abbia sentito niente o chiamato i carabinieri”. La titolare di Kalos è stata avvertita la mattina, verso le 6,30 quando una persona è passata davanti al centro estetico e ha notato il vetro rotto: “Ho sporto denuncia ai carabinieri che mi hanno suggerito di istallare delle telecamere di sicurezza”. Nei giorni in cui aspettava il cambio del vetro Cavallini ha dormito nel suo negozio: “Temevo che tornassero i ladri, quindi ho passato le notti dentro Kalos”.

Ma Cavallini è arrabbiata per il clima che si respira a Ponsacco: “Così non si può andare avanti. Anche in via dei Mille, in pieno centro, dov'è la mia attività la strada spesso è al buio e l'unica luce è quella che esce dal mio negozio. Quando l'ho aperto, una decina di anni fa, conoscendo i rischi volevo mettere delle inferriate alla porta ma mi fu vietato per il vincolo paesaggistico, avrei dovuto metterle all'interno, così scelsi i vetri antisfondamento”.  



Tag

Permessi di soggiorno per i migranti, l'escamotage dell'orientamento sessuale

Ultimi articoli Vedi tutti

Cultura

Sport

Attualità

Politica