QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 20°29° 
Domani 17°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 23 agosto 2019

Cronaca giovedì 26 giugno 2014 ore 19:44

Il centro sinistra in difesa di Cicarelli: "Inammissibili le richieste della Futura Immobiliare"

Pd e Ponsacco Può difendono dell'operato del sindaco Cicarelli, rinviato a giudizio nel processo per l'immobile di via Rospicciano



PONSACCO — Dopo che l'ex sindaco Cicarelli è stato rinviato giudizio nella vicenda Futura Immobiliare per l'immobile di via Rospicciano, dal mondo politico arriva una serrata di scudi in difesa dello stesso Alessandro Cicarelli e del suo operato come sindaco al tempo dei fatti. Dalla segreteria del Partito democratico e della Lista civica di maggioranza Ponsacco Può infatti dicono chiaramente che il comune fino ad ora il comune ha sempre avuto ragione nelle cause intentate dalla Futura Immobiliare.

“In merito alle ultime vicende tra il comune e la Futura immobiliare, - si legge nella nota congiunta delle due segreterie politiche - che vedono coinvolto l' ex sindaco Alessandro Cicarelli e i due tecnici Alberto Turini e Antonio D'Auria, è necessario ribadire ancora una volta che ad oggi il comune di Ponsacco ha avuto ragione nelle iniziative giudiziarie promosse in sede amministrativa. Il tribunale ha infatti certificato i debiti dell'impresa verso questa amministrazione, quantificati in euro 250 mila, dovuti al mancato versamento di Ici, ed ha inoltre sentenziato contro la Futura un risarcimento danni di 90 mila euro per la mancata consegna della piazza nei termini indicati: a questi debbono essere aggiunti 300 euro giornalieri fino a quando non permetteranno il collaudo della stessa”.

“La Futura – dicono ancora dal Pd e da Ponsacco Può - continua invece a procedere per richieste danni che i tribunali hanno finora ritenuto inammissibili e insiste nel non ottemperare alle sentenze del tribunale, generando un ulteriore danno verso il comune e i suoi cittadini. Siamo certi che il dibattimento in sede penale contribuirà a fare definitivamente chiarezza sulla vicenda, in modo tale che nel nome della trasparenza la questione venga rappresentata compiutamente evidenziando la correttezza dell’operato della amministrazione comunale. La maggioranza esprime la propria solidarietà all'ex sindaco e ai due tecnici comunali, in coerenza con la mozione già approvata dal consiglio comunale nel luglio scorso”.

“Ribadiamo – concludono le segreterie dei due partiti - inoltre che l’amministrazione comunale oggi in carica, rinnovata dal recente passaggio elettorale, si muoverà esclusivamente a tutela dei diritti dei suoi cittadini, escludendo qualsiasi scelta che sacrifichi gli interessi pubblici”.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Politica

Cronaca