Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:PONTEDERA13°26°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 21 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Azovstal, il ministero della Difesa russo rilascia il video della resa degli ultimi soldati

Attualità lunedì 25 maggio 2015 ore 16:25

La stazione saluta le barriere architettoniche

L'annuncio di Millozzi con l'associazione di Iacopo Melio e le parlamentari Carrozza e Coccia. Lavori al via entro la fine del 2015



PONTEDERA — L'obiettivo di tutto il Consiglio comunale è togliere tutte le barriere architettoniche da Pontedera e, presto, si inizierà a toglierle anche dalla stazione. Il sindaco Simone Millozzi (insieme alle deputate Laura Coccia e Maria Chiara Carrozza, a Gabriela Menichetti e Carlo Tempesti dell'associzione Vorrei prendere il treno) ha ufficializzato stamattina la rimozione delle barriere dallo snodo ferroviario della città, entro l'estate del 2016, con i lavori di un milione di euro che dovrebbero iniziare entro la fine del 2015.

Inoltre insieme all'assessore Franconi è stato annunciato anche l'investimento da 390mila euro per abbattere alcune barriere architettoniche in città.

"L'associazione Vorrei prendere il treno è qui con noi – ha detto Millozzi - anche se non c'è il presidente e ideatore Iacopo Melio. La notizia positiva è questa: la proposta per l'intervento alla stazione dei treni per rimuovere le barriere risale a una delibera del 2007, in Consiglio comunale. Pochi giorni fa c'è stato l'incontro col direttore Murgia di Rfi. I lavori per abbattere le barriere partiranno entro il 2015 e prima dell'estate 2016 i disabili avranno libero accesso alla stazione, un lavoro da circa un milione di euro. Iacopo Melio e la sua associazione (famoso l'hashtag #vorreiprendereiltreno, ndr) hanno contribuito a questi successi e a sensibilizzare sulla questione dell'abbattimento delle barriere architettoniche. In giornata incontreremo varie associazioni in città insieme anche al deputato Maria Chiara Carrozza".

Cosa cambia alla stazione - “Cambieranno i binari – spiega Millozzi – verranno costruiti quattro ascensori con un intervento comunale per il sottopassaggio e un ascensore su viale Piaggio per un importo di circa 100-150mila euro”. Inoltre presto cambierà anche la fisionomia urbana del Dente Piaggio: “Abbiamo ottenuto un finanziamento dalla Regione Toscana per la riqualificazione urbana del Dente Piaggio (verranno costruite piste pedonali, ciclabili, ecc)”.

Cosa cambierà in città – “Dopo la presentazione del bilancio – ha spiegato l'assessore ai lavori pubblici Franconi – partirà la prima tranche di lavori in città: 390mila euro di interventi per abbattere barriere architettoniche, con l'inizio della realizzazione di cinque percorsi diversi che permetteranno ai disabili di raggiungere i vari punti della città. I finanziamenti complessivi sono di un milione di euro e provengono tutti dalle casse comunali".

Tutto nacque con un Tweet – Nel giugno scorso Maria Chiara Carrozza su Twitter ribadiva che lei prendeva il treno come tutti, usando l'hashtag #ioprendoiltreno: “Ma fui colta in fallo da Iacopo Melio – dice Carrozza – che mi disse che lui non poteva prendere il treno. Siamo contenti per quello che accade oggi a Pontedera. Rendere il nostro territorio fruibile a tutti è un obiettivo, quando salgo sul treno vedo gli scalini così alti e penso a quante persone hanno difficoltà a salire sul treno, non solo i diversamente abili. Iacopo mi colse in fallo con quel tweet e una volta incassato il colpo, abbiamo deciso di sostenerlo”.

La strada da fare, e che passerà anche dall'abbattimento delle barriere alla stazione di Pontedera è ancora lunga come si vede nel racconto della parlamentare Laura Coccia, appena arrivata in città per la conferenza: “Scesi dal treno con le valigie abbiamo chiesto al capotreno come fare per uscire dalla stazione e lui ci ha detto di prendere l'ascensore... ma l'ascensore qui a Pontedera non c'è. Quando sono diventata parlamentare, ho pensato che, come recita la Costituzione, sono rappresentante di tutta la nazione, ma per esempio oggi a Pontedera col treno non potevo venire da sola. La barriera architettonica è la differenza tra poter fare qualcosa e non poterlo fare. In Germania ho fatto l'Erasmus e lì ero completamente autonoma. In sei mesi in Germania ho capito che era possibile abbattere le barriere architettoniche. Così ho rifiutato un'offerta di lavoro e ho deciso di tornare in Italia. Quando ho visto l'iniziativa di Iacopo ho pensato che era riuscito a smuovere l'opinione pubblica”.

I rappresentanti dell'associazione di Iacopo Melio #Vorreiprendereiltreno - Gabriella Menichetti dell'associazione Vorrei prendere il treno: "Iacopo oggi non è qui per una crisi respiratoria che ha subito la scorsa settimana ma è contento per questo successo di Pontedera e per come sta proseguendo il percorso. Iacopo lotta per tutti per un sistema di vita indipendente. Trovarci oggi col Comune di Pontedera a sentire che un'altra stazione abbatte le barriere è una bella soddisfazione".

Carlo Tempesti: "Tutti dobbiamo essere coinvolti quando si parla di barriere architettoniche. Non c'è questa sensibilità in tutte le Amministrazioni, ecco l'importanza di soggetti come Iacopo e come la nostra associazione".

René Pierotti
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto a Peccioli, nella strada che costeggia il lago della Piappina. Richiesto l'intervento anche dell'elisoccorso Pegaso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Cultura

Cronaca