Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PONTEDERA21°34°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 12 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Calenda diceva: «Non farò politica con Renzi, l'ho detto 6 mila volte. Mi fa orrore»

Attualità giovedì 28 maggio 2015 ore 13:30

La vecchia bici non va in discarica, ma a La Badia

Il laboratorio

Via al progetto di Geofor con la comunità terapeutica che ridà nuova vita alle due ruote da buttare. Niente più centro di raccolta, ma il laboratorio



PONTEDERA — Riciclare la bici in modo solidale. Compiere un gesto buono nei confronti dell'ambiente ma al tempo stesso anche verso chi è meno fortunato oggi diventa possibile, grazie al progetto messo in piedi da Geofor Spa in accordo con la comunità terapeutica La Badia, e in particolare con il laboratorio interno alla struttura che riporta a nuova vita le vecchie bici abbandonate o rotte.

"Nonostante il decreto legge 2006 che all'articolo 180 definisce il riciclo e il riuso poco sperimentati in Italia se non da associazioni di volontariato - dice il presidente Geofor Paolo Marconcini - occorre fare di più. E il di più si fa intervenendo sulle condizioni di produzione di imballaggi, sull'uso dell'acqua pubblica o del vetro, ma anche con iniziative come questa che vanno a valle del percorso del rifiuto e intercettano ciò che può essere recuperato".

"La Badia - spiega Clemens Seeberger di Arnera- è una comunità terapeutica per persone con problemi di tossicodipendenza. L'intento della dei laboratori della struttura è di aumentare riciclo e riuso e di soddisfare il bisogno di attività che hanno un senso per la struttura stessa e per i ragazzi".

"Esiste già un accordo con il Comune, ma va ad alti e bassi - ha aggiunto - mentre con questo nuovo progetto insieme a Geofor potremmo avere più materiale su cui lavorare, permettendo così ai ragazzi di professionalizzarsi e di rapportarsi meglio con l'esterno, per riprendere in mano la loro vita e magari per riacquistare anche un lavoro".

Dopo la positiva esperienza di Bicincittà e il progetto che ha portato al recupero di carrozzine per disabili che verranno poi portate in Senegal, la comunità si apre ancora una volta all'esterno e si offre di fornire un servizio alternativo allo smaltimento industriale.

Chiunque abbia una bici di cui intende disfarsi quindi, può chiamare il 3487703520. Il personale della cooperativa Arnera passerà a ritirarlo concordando data e ora.

Anna Dainelli
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nuovi decessi si sono registrati nelle ultime 24 ore tra area del capoluogo, Cuoio, Valdera e zona di Volterra. Tutti gli ultimi aggiornamenti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità