QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 15°16° 
Domani 13°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 19 ottobre 2019

Attualità domenica 22 maggio 2016 ore 18:00

A un passo dal Silenzio, ricchezza del territorio

Alessio Barbafieri

A pochi mesi dall'undicesima edizione, il neo presidente dell'associazione Teatro del Silenzio Alessio Barbafieri racconta obiettivi e anticipazioni



LAJATICO — È uno degli eventi più attesi dell'estate della Valdera, uno spettacolo ideato un solo uomo ma capace di promuovere Lajatico è tutta la provincia. Stiamo parlando del Teatro del Silenzio, l'esclusivo concerto del tenore Andrea Bocelli che ogni anni anima le colline del suo borgo Natale.

L'evento, giunto ormai all'undicesima edizione, è stato fissato per il prossimo 30 luglio ma prima della presentazione ufficiale che si terrà a breve ne approfondiamo il senso, gli obiettivi e alcune anticipazioni con il nuovo presidente dell'associazione Teatro del Silenzio, il sindaco di Lajatico Alessio Barbafieri.

Sindaco, da marzo scorso ha ereditato la carica dal suo predecessore Fabio Tedeschi, ma in realtà già da prima seguiva l'associazione. Può tracciare un bilancio e spiegarci gli intenti?
"Come Fabio prima di me, in quanto sindaco sono stato coinvolto nel consiglio direttivo e partecipo alle riunioni dell'assemblea dei soci che si tengono due volte l'anno. L'associazione è nata nel 2006 e il primo evento richiamò circa 4500 spettatori. Lo scorso anno, per tre serate che festeggiavano la decima edizione, ne sono arrivati ventimila. Per questo 2016 i biglietti sono già esauriti a gennaio e si conterà per un sola sera diecimila persone. Grandi numeri, inevitabili anche solo per la figura di Andrea, che testimoniano quanto piaccia l'evento e il territorio. L'intento dell'associazione è appunto quello di promuovere, attraverso l'indubbia notorietà del maestro, Lajatico, la Valdera e la provincia intera".

Una promozione limitata a quei pochi giorni intorno al concerto di luglio o destinata a richiamare turisti durante tutto l'anno?
"Sicuramente l'obiettivo è di sfruttare l'evento per promuovere il territorio e far passare il messaggio che al Teatro del Silenzio e a Lajatico si può venire in qualsiasi momento dell'anno. Ovvio che l'estate è più appetibile ma attraverso alcuni incentivi e iniziative, anche in accordo con le strutture ricettive e gli enti del territorio, cerchiamo sempre più di attrarre visitatori a marzo, agosto, novembre".

Mettendo in campo quali idee?
"Ad esempio, legando al concerto di luglio una serie di altri piccoli appuntamenti collaterali, eventi culturali ospitati in spazi pubblici e privati sparsi per tutto il paese, in modo che l'arte del Teatro del Silenzio diventi itinerante e faccia conoscere tanti scorci del territorio. Stiamo inoltre pensando di organizzare delle visite turistiche nei diversi punti di interesse di Lajatico, con tanto di guida e bus che colleghi gli agriturismi al paese. Il tutto finanziato con l'introito della tassa di soggiorno.Per rendere più fruibile il centro storico, inoltre, provvederemo a chiudere completamente al traffico la piazza centrale, almeno per l'intero periodo estivo".

L'impegno dell'associazione, quindi, non manca. Ora comincia il conto alla rovescia al 30 luglio. Qualche piccola anticipazione sullo spettacolo?
"Allora, come ho già detto, abbiamo già fatto sold out di biglietti a gennaio. Diecimila spettatori con una fortissima attenzione da parte degli stranieri, soprattutto americani e giapponesi.Quest'anno la direzione artistica è stata affidata a Luca Tomassini, già coreografo di XFactor e con esperienze con artisti del calibro di Prince, Madonna, Michael Jackson e collaboratore di molti altri programmi televisivi italiani. Fra gli eventi collaterali al concerto ci sarà anche la presentazione a Lajatico del suo libro.Il tema della serata del 30 luglio, com'è già stato annunciato, sarà il circo e si prospetta uno spettacolo ricco di colori e scenografie mozzafiato, mettendo insieme una delle arti più antiche e affascinanti di sempre e l'intera notabile lirica".

Anna Dainelli
© Riproduzione riservata



Tag

Matteo, il bodybuilder «squalificato» alla macchina della verità

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Politica

Imprese & Professioni