QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 17°32° 
Domani 18°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 24 agosto 2019

Attualità mercoledì 24 giugno 2015 ore 15:30

"Mattolini sbaglia a stare con l'anonima"

Paolo Marconcini

Il Consigliere ponsacchino aveva espresso solidarietà per la persona che aveva abbandonato i rifiuti di fronte al municipio. La lettera di Marconcini



PONTEDERA — Il presidente di Geofor Paolo Marconcini, dopo aver letto l'opinione di Leonardo Mattolini, sodale con la persona che aveva abbandonato i rifiuti di fronte al municipio di Ponsacco, risponde con una lettera aperta:

"Caro Mattolini

lei sbaglia a condividere il gesto dell'anonimo che ha abbandonato un sacco contenente rifiuti verdi davanti al Comune.
Prima di tutto perché l'anonimato presuppone sempre viltà. In un sistema democratico bisogna invece avere il coraggio delle proprie azioni. E poi perché si sta parlando, se non di un reato, di sicuro in un'infrazione e di un comportamento incivile, cose che un uomo pubblico non dovrebbe mai condividere. Tra l'altro mi pare che il cittadino sollevi piuttosto il tema dello spazzamento del fogliame che, solo per inciso, non è al momento di competenza Geofor e non riguarda in specifico la raccolta differenziata.
Veniamo comunque al merito. Avere un giardino non è un lusso né una colpa, ci mancherebbe altro.
Gli aspetti sono altri e sono due.
Il primo è una precisazione di ordine fiscale e relativa ai costi.
La tassa comunale sui rifiuti le utenze domestiche la pagano in base ai componenti del nucleo familiare e ai mq dell'abitazione. Ma gli spazi dei giardini non sono conteggiati agli effetti della Tari. Il costo del servizio dello smaltimento del verde non è ad personam, ma viene ripartito insieme a tutti i costi relativi ai rifiuti sulla comunità. Anche su quei cittadini che non hanno nessun giardino che quindi pagano anche un servizio che non li riguarda.
È giusto? Una simile "solidarietà" è applicata anche nel caso del ritiro di pannolini e pannoloni con il sacco giallo. Però in questo caso ripartire un costo per i bambini e gli anziani della comunità mi pare senz'altro più giusto e sensato.
Il secondo aspetto è meramente tecnico.
La raccolta differenziata è arrivata alla media del 58% nei 25 comuni serviti, abbiamo 8 comuni tra il 70 e l'80%.
Con l'aumento della raccolta differenziata produciamo ogni anno circa 40 mila t. di rifiuti organici mischiati a verde (sfalci e potature). Il nostro impianto a Gello è capiente per 20 mila t. Esportiamo le 20 mila t. eccedenti in impianti di mezza Italia che per ragioni funzionali non accettano questa commistione: il legname e le ramaglie delle potature non biodegradano come l'organico e creano problemi agli impianti.
In futuro darebbero seri problemi anche al nostro (si spera) costruendo nuovo impianto anaerobico di trattamento dell'organico impedendo o indebolendo la trasformazione energetica dei rifiuti organici.
Quindi dobbiamo raccogliere il verde in maniera separata dalla frazione organica: gli avanzi di cibo o dei pasti.
Con i Comuni stiamo cercando le migliori soluzioni per il momento e lo farà anche il Comune di Ponsacco. Anche se personalmente ritengo che la miglior soluzione per tutti in futuro sia un servizio (con pagamento) ad personam.
Resta ovviamente la possibilità di conferire il verde nei Centri di Raccolta, ricevendo una riduzione sulla tassa annuale in base alla quantità conferita.
Come si vede non si tratta di vessatorie e bizzarre richieste delle aziende partecipate di cui i Comuni sarebbero succubi, ma di questioni che certo possono e debbono essere discusse, ma che sono serie e motivate".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Sport

Cronaca

Attualità