QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12°20° 
Domani 12°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 18 ottobre 2019

Cultura lunedì 14 luglio 2014 ore 16:45

​Musiche dal Mediterraneo nelle notti di Pontedera

Torna mercoledì 16 luglio il Festival Sete Sòis Sete Luas. Artisti e prodotti tipici dal Portogallo a Capoverde, dal Nord Africa alla Palestina



PONTEDERA — Musiche, ritmi e parole dal mondo luso-mediterraneo. Sarà un’atmosfera multietnica e interculturale quella che avvolgerà Pontedera e Montecastello a partire da mercoledì 16 luglio, quando prenderà il via la ventiduesima edizione del Festival Sete Sòis Sete Luas, la rassegna culturale nata nel 1993 come progetto di cooperazione culturale tra Italia e Portogallo.

Quattro serate di Fado portoghese, melodie capoverdiane, suoni che mischiano le culture musicali di lontani e diversi Paesi come la Turchia, la Spagna, la Francia, il Portogallo, l’Algeria, la Tunisia, la Palestina. “Pur tra varie difficoltà – ha detto l’organizzatore Marco Abbondanza – siamo riusciti a portare avanti il Festival Sette Soli Sette Lune e anche per quest’anno la rassegna multiculturale torna a essere un appuntamento storico per Pontedera e soprattutto per Montecastello, dove ci ripresentiamo dopo qualche anno di assenza”.

Si parte mercoledì 16 luglio alle 22 proprio nella pittoresca cornice del Castello Malaspina del piccolo borgo con il concerto di Fado, musica simbolo della cultura portoghese dichiarata anche patrimonio immateriale dell’umanità dall’Unesco, della cantante Carolina. Si prosegue sempre a Montecastello giovedì 17 alle 22 sulle rotte lusofone dell’artista capoverdiano Michel Montrond, l’occasione per ballare i movimentati ritmi di note africane legate a suoi europei e sudamericani accompagnati dalla profonda voce soul del giovane cantante. Gli altri due appuntamenti saranno invece al Centrum Sete Sòis Sete Luas su viale Piaggio a Pontedera con due nuove orchestre multiculturali: il 22 con la Mythos7SòisOrkestra che unisce artisti di Portogallo, Italia, Francia e Turchia e il 23 con le note arabo-giudaiche della 7SòisMedArabOrkestra.

“Il Festival – ha commentato l’assessore Liviana Canovai – è ormai una realtà importante per Pontedera perché rappresenta un forte elemento di scambio e comunicazione fra culture, non solo a livello di musica ma anche di arte e prodotti dei diversi territori”. Entusiasta del ritorno della rassegna a Montecastello è anche il consigliere comunale e presidente della Pro Loco del borgo Mattia Belli, che ha detto: “Siamo onorati di tornare a ospitare il Festival, soprattutto nello scenario suggestivo della storica villa che per due sere tornerà a essere il centro culturale e sociale della comunità. I ringraziamenti sono d’obbligo alla famiglia Torrigiani che ci permette di usufruire della loro proprietà”.

Anna Dainelli
© Riproduzione riservata



Tag

Berlusconi: «Non volevo, ma sarò in piazza Lega contro il carcere per gli evasori»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Politica