comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 20°33° 
Domani 20°33° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 15 agosto 2020
corriere tv
Portofino, le baie lontane dal jet set usate per invecchiare lo spumante

Attualità giovedì 09 aprile 2015 ore 17:45

"Non è in programma nessuna contromanifestazione"

Parlano Alice De Simone e Misia Martina Consoloni: "Crediamo in un paese che si faccia garante dei diritti fondamentali degli individui"



PONTEDERA — Non è in programma alcuna contromanifestazione, ci rendiamo conto e non neghiamo affatto che vi sia un disagio diffuso, sociale e di forte matrice economica, ma riteniamo che le lotte individuali siano destinate a rimanere lotte tra poveri per un boccone di pane”. Alice De Simone e Misia Martina Consoloni hanno organizzato, su Facebook l'evento “Gnamo a fa i parcheggiatori maleducati in piazza Solidarietà” in cui si legge: “Una manifestazione pacifica e civile (Cit.) sta per arrivare a Pontedera, nel parcheggione dell'ospedale, ove persone civili e pacifiche affiancheranno i parcheggiatori abusivi e venderanno fazzoletti e ci aiuteranno a parcheggiare. Se queste persone civili e pacifiche però sono ad aiutarci a trovare parcheggio, chi, scendendo dalle macchina, prenderà il loro posto per offendere civilmente i parcheggiatori?”. Una provocazione quella di Consoloni e De Simone, che nei post dell'evento annunciano di aver comunicato ai parcheggiatori di non presentarsi venerdì e sabato in piazza della Solidarietà, per non essere coinvolti nella manifestazione organizzata da Alessandro Tantussi, candidato alle scorse elezioni comunali col partito di Forza Italia e non eletto.

Non è in programma alcuna contromanifestazione – spiegano De Simone e Consoloni - non sono stati richiesti permessi, non c'è stata alcuna mobilitazione organizzata. Ci sono state polemiche da parte di privati cittadini, non riuniti sotto alcuna bandiera, partito o centro sociale (c'è un centro sociale a Pontedera?) in merito alla scelta di manifestare in piazza della Solidarietà in quella forma con le date premesse. Questa iniziativa del signor Tantussi ci è sembrata una manovra di strumentalizzazione pericolosa dei timori della gente, strumentalizzazione che cela il rischio di incrementare xenofobia e razzismo”.

De Simone e Consoloni sono consapevoli della situazione generale: “Ci rendiamo conto e non neghiamo affatto che vi sia un disagio diffuso, sociale e di forte matrice economica, ma riteniamo che le lotte individuali siano destinate a rimanere lotte tra poveri per un boccone di pane. Posizioni opposte a quelle della manifestazione del Tantussi possono essere lette facilmente come una negazione del problema. C'è una specie di posizionamento che si instaura ingenuamente: se voi non manifestate vuol dire che vi va bene così. Ma noi crediamo in un paese che si faccia garante dei diritti fondamentali di tutti gli individui. Questa è una lotta che non possiamo portare avanti divisi. E poi, che diamine, quel posto si chiama piazza della Solidarietà”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità