QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 6° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 13 dicembre 2019

Lavoro lunedì 30 dicembre 2013 ore 19:02

Operatori del trasporto pubblico in ginocchio

Alcuni lavoratori del trasporto pubblico

Da un incontro alla Cna di Pontedera arriva il grido d'allarme degli imprenditori e dei lavoratori del settore



PONTEDERA — “Così non ce la facciamo più e con la remunerazione che gli enti locali vorrebbero assegnarci per dopo la gara regionale del trasporto pubblico locale è impensabile di poter svolgere il servizio”. E' il grido di allarme lanciato dagli imprenditori del settore del trasporto pubblico della Valdera durante un incontro alla Cna di Pontedera. A mettere i numeri sul tavolo è il segretario regionale della Fita Cna Riccardo Bolelli che dice: “Non possiamo continuare a lavorare con margini così bassi, in pratica inesistenti. Al momento con le gare pubbliche attuali noi lavoriamo a 2 euro e 50 centesimi a chilometro, in futuro vorrebbero portarci gli appalti dopo la gara regionale a un euro e 70 al chilometro”. Al momento con la tariffa di 2 euro e 50 centesimi, secondo le aziende locali del trasporto persone infatti, con quello che ricavano dagli appalti con gli enti locali non ci sono guadagni. Sulla base dei numeri presentati infatti, da ogni gara gli imprenditori ricavano, se non ci sono imprevisti circa duemila euro l’anno, si tratta di appalti che durano circa un anno.


“Una situazione insostenibile – continua Bolelli – che lascia spazio a imprenditori poco scrupolosi che riescono a vincere le gare dei comuni quando non vanno deserte, come lo scorso giugno per il trasporto dei bambini a scuola, perché magari hanno regimi fiscali diversi e meno onerosi. Per noi, un lavoratore costa ogni anno circa 24mila euro su una gara da 39mila euro che magari impegna tre lavoratori e mezzo cosa possiamo ricavare? E infatti le situazioni al limite non mancano, il caso Falaschi lo dimostra.

In Valdera gli operatori del trasporto pubblico sparsi nei vari comuni sono circa 20, contano 150 mezzi e tra i 70 e gli 80 lavoratori. Una realtà imprenditoriale importante, se si pensa che su tutta la provincia di Pisa i numeri raddoppiano e con la nuova gara regionale il rischio è che a questi lavoratori rimangano solo le briciole. Infatti di tutta la gara la parte che potrà essere data in gestione diretta dagli enti agli operatori locali è solo un 10%, che poi corrisponde al cosiddetto lotto debole, ovvero le corse meno remunerative composte da parte del trasporto locale e dal trasporto scolastico.

Proprio sul caso della ditta che è recentemente fallita, i vertici di Cna trasporti spiegano che la situazione non è stata gestita correttamente per quanto reputino indispensabile la decisione del prefetto di far continuare l'attività in deroga per una questione di pubblica utilità. Secondo i vertici di Cna Fita infatti, si sarebbe dovuti andare a una nuova gara senza affidare il servizio a un nuovo soggetto, la cooperativa Itaca che è subentrata nella gestione fino a giugno del trasporto scolastico rilevando il personale della Falaschi.

Hanno precisato infine che l'unica soluzione per salvare il trasporto locale dopo la gara regionale sarà quello di aggregare negli appalti gestiti dagli enti locali quelli del lotto debole e il servizio scolastico, per avere un pacchetto di servizi e di offerte sostenibile per gli imprenditori e i lavoratori che altrimenti non possono pensare di riuscirei a mantenere in essere un servizio con la remunerazione di un euro e 70 centesimi a chilometro.



Tag

Piazza Fontana, il giornalista del Corriere che era nella banca: «Mi salvò un caffè»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Cultura

Attualità