comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 19°30° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 12 luglio 2020
corriere tv
Incendio al ministero del Lavoro a Roma, il video inedito dell'interno

Cultura lunedì 08 ottobre 2018 ore 08:00

Civiltà contadina, dal Museo al Premio letterario

A Montefoscoli inaugurato il premio dedicato a poesia e narrativa. Primo tema proposto: il paesaggio toscano e i suoi protagonisti



PALAIA — Il paesaggio toscano e i suoi protagonisti. Erano questi gli ingredienti del primo premio letterario di poesia e narrativa dedicato alla civiltà contadina, organizzato dal Comitato di promozione culturale di Montefoscoli con il supporto del Comune di Palaia. La premiazione si è svolta sabato 6 ottobre nei locali di un affollato Museo della Civiltà Contadina di Montefoscoli, con la partecipazione dell'assessore alla cultura Elisa Montagnani e della proprietaria del museo Sofia Donalisio.

"L'iniziativa, lanciata con lo scopo di celebrare le radici della toscanità e il lavoro nei campi, ha riscosso un discreto successo nonostante fosse alla sua prima edizione" hanno sottolineato gli organizzatori. "Speriamo di replicare l'anno prossimo". 

Fra le numerose opere in gara i giurati hanno scelto una rosa di sei nomi. Tre i premiati per ciascuna categoria. La giuria era presieduta da Marco Gherardini, sindaco di Palaia. Gli altri giurati, scrittori e membri del comitato di promozione culturale, erano: Filippo Bernardeschi, Alessandra Favilli, Donatella Piccini, Susi Susini, Sofia Donalisio e Riccardo Taddei.

Primo classificato nella sezione poesia è Marco Nicolosi, di Lucca, con l'opera in versi intitolatala "Fratellanza". "Marco Nicolosi lega a fratellanza l'olivo e la vite - ha motivato la giuria. - Il componimento si distingue per l'abile uso della rima che incatena il discorso a un ritmo musicale in grado di suscitare nel lettore un curioso coinvolgimento. Per giustificare l'accostamento il poeta gioca con scherzosa leggerezza ripercorrendo la genesi del creato, celebra con affetto e maestria il frutto del lavoro contadino, dalla terra alla tavola, brillando di stupore per le piccole meraviglie che derivano dalla comunione fra uomo e natura, e dalla trasformazione di quest'ultima nelle mani del primo".

Secondo classificato è Andrea Falchi con "Le mani sporche di terra", a pari merito con Nadia Chiaverini e la sua poesia "A Montefoscoli". Terzo classificato Serenella Menichetti.

Nella sezione racconti il primo posto è andato a Barbara Scattini. La giuria ha così motivato la scelta: "Con Il ramo d’olivo, Barbara Scattini rende, con un linguaggio accorato e sobrio, il sentimento di nostalgia e la solitudine di un anziano costretto a tagliare le proprie radici. La conclusione suggestiva della storia emana una forte intensità emotiva ed evoca un ritorno alle origini quasi magico e ricco di patos".

Seconda classificata Edy Calvetti, con "La bambina di Città". Terza Cristina Lastri con il racconto "Zia Romilda".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cultura

Attualità