QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 10°13° 
Domani 13°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 21 settembre 2019

Cronaca lunedì 19 dicembre 2016 ore 13:25

Forcoli piange e saluta il giovane Carlo

La folla di gente alla chiesa di San Frediano

Tantissima gente ai funerali del ragazzo di 24 anni morto in seguito a un brutto incidente stradale lo scorso fine settimana



PALAIA — Uno striscione con scritto Tu lo sai che non è la fine, sì che lo sai e poi i timidi raggi di sole a illuminare la bara bianca che entra nella chiesa di San Frediano, incapace di contenere tutte le persone che nella mattina di lunedì 19 dicembre hanno partecipato al funerale di Carlo Savini, il giovane 24enne della nota famiglia forcolese di tartufai che è morto in ospedale in seguito al brutto incidente stradale avvenuto lo scorso fine settimana lungo la strada che collega Capannoli alla frazione palaiese.

Erano davvero tante le persone che hanno affollato tutto il piazzale e l'interno della chiesa che domina la valle intorno a Forcoli, una folla che ha voluto dare l'ultimo saluto a quel promettente imprenditore che era appena tornato dall'America, dove aveva vissuto per alcuni mesi per occuparsi di questioni aziendali, e che poi ha perso la vita dopo una serata di svago con gli amici, su una curva, a qualche chilometro da casa.

Erano quasi le 6 del mattino di domenica 11 dicembre quando la Bmw nera è uscita fuori strada appena prima del ponte sul Roglio, lungo la strada fra Capannoli e Forcoli. Il veicolo, alla cui guida c'era Savini pur non essendone il proprietario, si è cappottata più volte. Il 24 enne è stato sbalzato fuori dal finestrino ed è rimasto con le gambe schiacciate sotto l'auto.

Immediati i soccorsi, i vigili del fuoco sono riusciti a liberarlo dalle lamiere con degli speciali cuscinetti. Poi la corsa disperata in ospedale, l'operazione urgente, il coma farmacologico e la speranza, di tutti, che Carlo resistesse.

In settimana, invece, le condizioni del 24enne forcolese si erano aggravate e nel pomeriggio di venerdì è stata avviata la procedura di accertamento della morte cerebrale. In serata è arrivata l'ufficialità del decesso e la volontà della famiglia di donare gli organi del loro caro.

Tutta la comunità di Forcoli, i parenti e gli amici si sono stretti intorno alla famiglia Savini, molto conosciuta in Valdera e in Toscana per l'attività di tartufai. Il sindaco Marco Gherardini, dal suo profilo Facebook, ha espresso il suo toccante e personale saluto: "Scendono lievi le carezze e si posano bianche, parlando dell'amore che ti circonda. Ciao Carlo".



Tag

«Scendi, non ti voglio più!». Le nuove intercettazioni choc di Bibbiano

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Spettacoli

Politica