Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:50 METEO:PONTEDERA20°33°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 12 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Calenda diceva: «Non farò politica con Renzi, l'ho detto 6 mila volte. Mi fa orrore»

Cultura mercoledì 22 giugno 2022 ore 19:30

Le Lune in mostra a Palazzo Senza Tempo

Un angolo della mostra a Palazzo Senza Tempo

Il festival 11Lune si arricchisce di un'esposizione: 11 variazioni di lune che raffigurano pezzi di borgo e che sono scaricabili dai visitatori



PECCIOLI — Arte digitale che non dimentica le tecniche pittoriche e che vuol promuovere ancora una volta il concetto di arte pubblica. È questa la mostra "Impressioni senza tempo", che raccoglie 11 quadri realizzati da Walter Sardonini e che, insieme, raccontano attraverso le sfumature trasognanti della luna le bellezze del borgo e di Peccioli.

"Mi occupo dell'identità visiva del Teatro della Toscana da tanti anni e, con la collaborazione avviata a Peccioli, mi sono occupato di progettare l'immagine del festival - ha detto Sardonini - siamo andati oltre, però, perché siamo andati oltre la grafica, realizzando una vera e propria mostra".

L’esposizione, che rimarrà a Palazzo Senza Tempo sino al 2 Novembre, contiene una serie di opere aventi come tema proprio la luna, riproposta in diverse variazione nelle quali affiorano scorci, monumenti e installazioni che si trovano sparse per il territorio di Peccioli e della Valdera.

Sardonini (a sinistra) durante la presentazione del festival 11Lune

"La Fondazione Peccioliper mi ha spinto a fare una ricerca per far trasparire le eccellenze del territorio, anche a livello artistico e architettonico - ha spiegato - ho realizzato le immagini di 11 lune che riflettono in maniera soggettiva e artistica tutte quelle bellezze che sono sul territorio pecciolese. Le porzioni di territorio, i monumenti e i palazzi sono proposti in forma di schizzi e di suggestioni, tra i quali i visitatori possono scorgerli in maniera fantasiosa. Le 11 opere, variamente combinate, hanno dato vita all'immagine del festival stesso".

Caratteristica principale delle opere è la loro natura digitale. Anche se ciò non preclude una fase iniziale del tutto manuale. "Non è fatto attraverso intelligenza artificiale, ma a mano con le tecniche della pittura, facendo uso di un tablet e di una penna ottica - ha specificato Sardonini - tutti gli interventi di inserimento sulle tavole di scorci e monumenti, poi, sono avvenuti grazie al fotoritocco e al fotomontaggio. Un'opera digitale nel suo complesso, ma con una base realizzata manualmente".

Un'altra sala della mostra

Proprio per questo, le opere sono anche riproducibili dai visitatori grazie a un Qr Code. "Ognuna di queste opere è scaricabile in alta risoluzione e può essere stampata su carte di pregio e con stampanti professionali, in modo da ottenere lo stesso risultato - ha aggiunto - il vantaggio è che ognuno potrà stampare nella dimensione che preferisce".

"Ciò ci ha permesso di proseguire il percorso che è stato intrapreso da 30 anni a Peccioli - ha concluso Sardonini - ovvero, realizzare arte pubblica, arte da consumare e portarsi a casa. Un concetto tipicamente pecciolese, grazie al quale le opere possono essere fruite da tutti in ogni momento della giornata".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nuovi decessi si sono registrati nelle ultime 24 ore tra area del capoluogo, Cuoio, Valdera e zona di Volterra. Tutti gli ultimi aggiornamenti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità