QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 15°20° 
Domani 11°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 19 settembre 2019

Cultura giovedì 31 ottobre 2013 ore 11:15

I Lions portano Petacco in Valdera per presentare "A Mosca solo andata"



PONSACCO - Il Lions Club Pontedera Valdera porta a Ponsacco il giornalista e storico Arrigo Petacco per presentare in anteprima nazionale il libro A Mosca solo andata edito da Mondadori. L'incontro è fissato per le 17.30 presso l'auditorium Monsignor Elio Meliani, in via Don Minzoni a Ponsacco. L’evento, curato e organizzato dal Lions Club, sarà moderato dal giornalista Mario Bernardi Gualdi e si propone di mettere in evidenza gli elementi più interessanti dell'opera dello storico, uno degli autori più prolifici del nostro tempo. Arrigo Petacco, scrittore, giornalista e storico italiano, è stato inviato speciale, direttore del quotidiano La Nazione e di Storia Illustrata, ha sceneggiato film e realizzato programmi televisivi di successo. Nei suoi libri affronta i grandi misteri della storia, ribaltando spesso verità giudicate incontestabili. In questo volume, “A Mosca, solo andata”, Petacco ricostruisce la storia dell'emigrazione politica dei comunisti italiani riparati in Unione Sovietica dopo l'avvento del fascismo: attraverso grandi e piccole vicende umane, tratteggia l'atmosfera irrespirabile del club degli emigrati di Mosca, una sorta di dopolavoro dove le riunioni si erano trasformate in processi inquisitori. Rivela come le schede compilate e inviate dal partito Comunista, in cui venivano elencati gli errori politici commessi e poi corretti, si fossero rivelate delle denunce che ponevano gli sventurati alla mercé degli inquisitori di Stalin. Descrive il clima ambiguo e inquietante del Lux, l'albergo dove alloggiavano i compagni dirigenti e dove l'acqua scorreva nei lavandini anche la notte per confondere le cimici nel caso qualcuno parlasse nel sonno. E, non ultimo, la misera sorte di tanti bambini - i “figli del partito” - rimasti senza genitori e spediti negli istituti organizzati dal Comintern per forgiare gli “uomini nuovi”.


Tag

Pd, Marcucci: «Scelta di Renzi sbagliata, io resto e metto a disposizione mio ruolo capogruppo»

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Sport

Attualità