Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:PONTEDERA21°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 17 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tensione al corteo no Green pass di Milano, la protesta non si ferma e partono le cariche della polizia

Cronaca martedì 07 febbraio 2017 ore 14:30

13 colpi in due mesi, banda scatenata in manette

Tra maggio e giugno 2016 hanno commesso numerosi furti ai danni di attività commerciali. La indagini partire da una rapina in villa



CASCINA — Tra il 2015 e il 2016 hanno commesso 8 furti e ne hanno tentati altri sei a danni di attività commerciali di mezza Toscana. Stroncata dai carabinieri una banda di ladri composta da sette persone, ora denunciate per associazione a delinquere.

Le indagini sono iniziate dopo una rapina nella villa di due anziani coniugi di Pontedera, avvenuta nel novembre del 2015. I militari hanno intercettato alcune telefonate fatte dalla ex badante rumena dei due e scoperto che la donna intratteneva contatti con sei uomini che, grazie a successive intercettazioni e localizzazioni gps,i militari hanno appurato essere responsabili, a vario titolo, di numerosi furti avvenuti nelle province di Pisa, Livorno e Lucca tra il maggio e il giugno 2016.

Il curriculum a loro carico è pesante: Solo nel mese di maggio hanno tentato un furto in un'area sedi servizio in Fi-Pi-Li (vedi video allegato),  messo a segno un colpo da 11 mila euro in un'area di servizio a Navacchio  e in un negozio di bricolage a Pontedera, da dove sono fuggiti con un bottino di mille euro. Un nuovo tentativo di furto è andato in scena in un magazzino di materiale elettronico, sempre a Pontedera e nello stesso mese la banda ha colpito anche a Cecina, tentando un furto in un negozio di materiale elettronico.

A Calcinaia si sono introdotti in un bar rubando oltre 6mila euro, a Cascina hanno commesso un furto in profumeria portando via prodotti per oltre 14mila euro e tentato un colpo, sempre in una profumeria, sventato dall'intervento dei carabinieri.

I raid sono proseguiti anche nel mese di giugno 2016: a Pietrasanta hanno tentato un furto in un negozio di materiale elettronico, a Fucecchio hanno colpito un bar di una stazione di servizio asportando l'impianto di videosorveglianza, a Ponsacco hanno rubato 250 euro in un bar di un'area di servizio e, di nuovo a  Pontedera, hanno messo a segno un furto in un negozio di materiale elettronico fuggendo con un bottino di 10mila euro.

Quattro di loro sono stati arrestati in flagranza a Pontedera, dove i carabinieri hanno sventato un nuovo furto stavolta ai danni di un negozio Panorama.

Agli arresti hanno fatto seguito le perquisizioni domiciliari, dove i militari hanno rinvenuto la refurtiva del colpo commesso nella profumeria di Cascina avvenuto a fine maggio 2016. Ulteriori indagini hanno permesso poi di identificare altri due complici della banda ritenuti responsabili di un maxi furto in un bar di Barga, dove i malviventi hanno scassinato le slot machine per poi fuggire con oltre 15mila euro in contanti.

Alle luci dell'alba sono scattate le misure cautelari:

 Le intercettazioni e le localizzazioni Gps hanno infatti permesso ai carabinieri di delineare un nitido quadro accusatorio nei confronti di tre romeni di 30, 24 e 22 anni, residenti a Calcinaia e Cascina, per il reato di associazione per delinquere finalizzata al compimento di furti. Il sodalizio ha poi coinvolto, a vario titolo, un altro romeno di 34 anni, residente a Montecatini, sottoposto agli arresti domiciliari, che ha commesso con i tre diversi furti.

Obbligo di dimora invece per la badante romena di 23 anni e un marocchino di 36 anni, entrambi residenti a Cascina e per un romeno di 24 anni residente a Pontedera. 

Le misure cautelari nei confronti dei 7 soggetti sono state eseguite questa mattina dai carabinieri del nucleo investigativo di Pisa, che ha condotto le indagini, coadiuvati dai militari delle compagnie di Pisa, Pontedera, San Miniato e Montecatini, e dai cinofili del nucleo di San Rossore.

La refurtiva complessivamente recuperata, in fase di indagine e di esecuzione delle misure cautelari, ammonta a circa la metà rispetto al complessivo provento dei furti commessi. I militari sono infatti  riusciti a recuperare 26mila di refurtiva su un valore complessivo stimato di circa 61mila.

Tentato furto all'area di servizio in Fi-Pi-Li
Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le positività rilevate tra ieri e oggi sono distribuite tra 12 comuni della provincia. Ricoveri stabili negli ospedali pisani
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Don Andrea Pio Cristiani

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Carmela Pulvirenti Ved. Valenti

Venerdì 15 Ottobre 2021
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità