QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 7° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 12 dicembre 2019

Attualità lunedì 28 ottobre 2019 ore 11:07

Un oratorio più grande in ricordo di don Marcello

Grande festa a San Prospero per i nuovi spazi della parrocchia intitolati a don Marcello Rovini, che fu anche parroco a Pontedera



CASCINA — La Parrocchia di San Prospero di Cascina ha ricordato ieri don Marcello Rovini, suo parroco dal 1969 al 1984, nel 35esimo anniversario della morte, con l'inaugurazione dei nuovi spazi a lui dedicati e con una messa concelebrata da don Paolo Paoletti, Vicario del Piano di Pisa, con Padre Tommaso Reji e don Antonio Simoni. Numerosa e sentita è stata la partecipazione dei parrocchiani. 

La figura di don Marcello è stata tracciata da don Paoletti che ha ricordato, soprattutto a quanti non lo hanno conosciuto, come don Marcello abbia dedicato tutto se stesso alla comunità a lui affidata per gli ultimi 15 anni della sua vita sacerdotale. Successivamente, lo stesso don Paoletti ha benedetto la nuova struttura prima di procedere al classico taglio del nastro insieme al sindaco Dario Rollo che, nel suo saluto, ha sottolineato come anche l'amministrazione comunale abbia contribuito a questa importante realizzazione che ha richiesto impegno, ma che ora arricchisce una importante frazione del Comune. 

Il sindaco era accompagnato da Leonardo Cosentini, Assessore Scuola Sport e Cultura. Alla realizzazione dell'ampliamento dell'Oratorio dedicato a don Marcello è stata curata da un gruppo di uomini che furono i "ragazzi di don Marcello" negli anni '70. Importante è stato anche l'apporto di aziende e privati della zona.

Una Messa in ricordo e suffragio di don Marcello Rovini è stata celebrata anche nella Chiesa del Sacro Cuore al Villaggio Piaggio di Pontedera, dove don Marcello fu Cappellano dal 1963 al 1969 e dove ancora è ricordato con affetto e riconoscenza.



Tag

Mes, Conte: «L'Italia non ha nulla da temere, il nostro debito è sostenibile»

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cultura

Cronaca

Attualità