QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°12° 
Domani 15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 07 dicembre 2019

Lavoro martedì 01 settembre 2015 ore 18:30

Imprese pisane in cerca di lavoratori

Segnali positivi sul fronte economico: in provincia di Pisa il 16 per cento delle aziende con dipendenti ha in programma nuove assunzioni



PISA — Le imprese pisane aumentano la domanda di lavoro. Almeno secondo un'indagine realizzata a livello nazionale da Unioncamere e dal ministero del Lavoro

In provincia di Pisa il 16 per cento delle aziende con dipendenti prevede di inserire nuovi lavoratori, punte del 30 per cento si segnalano tra le aziende pisane esportatrici ed il 31 è raggiunto da quelle che hanno sviluppato nuovi prodotti/servizi.

Passando ai valori assoluti, nel 2015 a Pisa si avranno 5.830 ingressi nelle aziende: un +27 rispetto al 2014 che supera sia l’Italia (+15), che la Toscana (+20). Tuttavia, considerando le uscite previste di lavoratori, il saldo occupazionale, rimane ancora negativo (-220 a Pisa, -6.060 in Toscana e -60.400 in Italia): segno di come la ripresa rimanga ancora debole.

Secondo l'indagine, gli effetti del Jobs act e degli incentivi introdotti dalla legge di stabilità per le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato comincerebbero a vedersi: tra il 2014 ed il 2015 aumenta di sei punti percentuali (dal 23 al 29 per cento) la quota dei contratti a tempo indeterminato (adesso contratti a tutele crescenti. 1.320 assunzioni), mentre rimane stabile rispetto allo scorso anno la quota di assunzioni a tempo determinato (64 per cento).

“I dati che oggi diffondiamo – commenta il Presidente della Camera di Commercio di Pisa, Valter Tamburini – segnalano un recupero della domanda di lavoro che, grazie ai recenti interventi normativi, è in grado di offrire contratti meno precari rispetto al passato. Tuttavia, il fatto che il saldo entrate-uscite sia ancora di segno negativo, smorza gli entusiasmi e ci invita a sottrarci ai facili trionfalismi. La ripresa, infatti, deve ancora consolidarsi ma non possiamo permetterci di attenderla stando fermi. I dati ci dicono che le imprese che innovano ed operano sui mercati esteri sono in grado di attivare una maggiore domanda di lavoro ed è per questo che vogliamo sostenerle ed aumentarne il numero. Tra le iniziative più interessanti mi preme segnalare, dopo il successo ottenuto dall’evento con gli Emirati Arabi, il Roadshow sull’internazionalizzazione che, assieme ad ICE, stiamo organizzando a Pisa il prossimo 11 settembre: un’occasione per le imprese che vogliono affacciarsi ai mercati internazionali”.

Linda Giuliani
© Riproduzione riservata



Tag

Lo spot di Natale è un fallimento: l'azienda perde in borsa e viene travolta dalle critiche, «È sessista»

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Cronaca

Cronaca