QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16°31° 
Domani 15°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 20 settembre 2018

Interviste giovedì 09 giugno 2016 ore 18:00

Lari "L'unità del partito è un richiamo al lavoro"

Il segretario provinciale del Pd pisano Alessio Lari analizza il voto di domenica e sul voto di Cascina parla di "Messaggi chiari"



PISA — Alessio Lari, fresco di rielezione come sindaco di Buti, è anche segretario provinciale del Pd pisano dalla scorsa estate. Di area renziana è stato eletto in sostituzione del dimissionario Francesco Nocchi (sinistra dem) dopo le dimissioni di quest'ultimo dall'incarico, all'indomani della mancata elezione in consiglio regionale.

Quale è il suo giudizio sul voto nei comuni pisani di domenica scorsa?

"Io sono sempre parsimonioso ma su come è andato il partito e su come sono andati i nostri candidati a sindaco meritiamo la piena sufficienza, anche se le partite si giocano fino alla fine e si giudicano al fischio finale"

Logico il riferimento a Cascina, dove ci sarà il ballottaggio e dove il sindaco uscente Antonelli ha perso tanti voti rispetto a cinque anni fa. In più c'è stata una astensione record che ne fa uno dei comuni toscani di grandi dimensioni dove si è votato meno. Da cosa dipendono entrambi i fattori?

"Come partito abbiamo fatto poche analisi e ci siamo messi subito a lavoro. Certo l'astensione fa riflettere anche se il dato va contestualizzato in dinamiche locali e di opinione e il paragone è difficile anche solo rispetto a cinque anni fa. Questo vale anche per il risultato di Antonelli con l'elettorato però che ci ha dato un messaggio chiaro che noi abbiamo recepito in pieno: bisogna andare incontro ai cittadini, garantire la partecipazione e il rinnovamento e in questo senso la elezione in consiglio di un bel gruppo di giovani nel Pd ci può dare una mano"

Alla luce di quanto accaduto però, le primarie per la scelta del candidato a sindaco sembrano avere paradossalmente indebolito proprio colui che le ha vinte e cioè Alessio Antonelli. Col senno di poi è stato giusto mettere in discussione un primo cittadino al primo mandato?

"Guardi, io su questo dico apertamente una cosa: le primarie sono uno strumento utile che ha i suoi risvolti ma che si svolgono sempre all'interno di regole democratiche. Le abbiamo fatte a Cascina e anche a Vecchiano e non a Santa Luce ( neppure a Buti ndr ). Qui il sindaco uscente ha perso le elezioni, a Vecchiano lo sconfitto Meciani è stato uno dei più convinti sostenitori del sindaco eletto Angori, a Cascina c'è stata una discussione che si è svolta, ripeto, sempre con regole democratiche e il partito è compatto e unito."

Però talvolta il Pd sembra non avere più, anche in provincia di Pisa, quella egemonia dove già prima del voto tutto sembrava scontato. Citiamo ad esempio il caso di Santa Maria a Monte, dove governa il centro destra

"Sì, ma allora parliamo anche di Buti, il comune dove sono stato rieletto sindaco e dove cinque anni fa vinsi per trenta voti e oggi stacco il mio avversario di venti punti percentuali. Ripeto quello che ho già detto, il partito in provincia è radicato e l'unità del Pd è un richiamo al lavoro comune"

Ma il Pd è un partito che deve guardare più al centro o più a sinistra? Ci sono le discussione nazionali ma anche quelle locali, ( Il consigliere regionale Mazzeo sulla stampa locale ha affermato che "Il Pd sia una grande casa che deve continuare ad avere radici solide che affondano anche a sinistra" ) qual'è il suo punto di vista?

"Il Pd deve essere un partito forte che non lascia indietro nessuna componente a vantaggio dell'altra. Bisogna fare sintesi nelle ricchezza di contenuti. Se si lascia indietro qualcuno viene meno il progetto del partito e quello del Pd è un grande progetto".

Alessandro Turini
© Riproduzione riservata



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità