comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PONTEDERA11°16°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 27 ottobre 2020
corriere tv
Conte firma il nuovo dpcm: bar e locali chiusi dalle 18

Politica mercoledì 22 luglio 2020 ore 12:00

La Lega, "Il sindaco Brogi sia coerente"

Il coordinatore comunale della Lega Pericle Tecce

Il coordinatore comunale della Lega Pericle Tecce interviene dopo la condanna in primo grado della sindaca Brogi per diffamazione



PONSACCO — "Noi della Lega crediamo nel principio di non colpevolezza per noi nessuno è da considerarsi colpevole sino alla condanna definitiva".

Lo dice Pericle Tecce, coordinatore comunale della Lega, commentando la notizia della condanna in primo grado della sindaca Francesca Brogi ( vedi articolo correlato ) per diffamazione a mezzo stampa.

"Al principio della non colpevolezza non ha mai creduto però la sindaca Francesca Brogi e tutta la sinistra ponsacchina", aggiunge Tecce.

"Non vanno infatti dimenticate le dure parole di condanna verso la Lega e verso il suo candidato alle scorse elezioni Federico D’Anniballe per essersi alleato con chi “era andato a braccetto con la Futura Immobiliare” per aver testimoniato in uno dei tanti processi tra quest’ultima e i vertici dell’amministrazione comunale di Ponsacco.

Così come da ricordare sono i post di giubilo all’indomani della notizia della custodia cautelare applicata al titolare della medesima società: come dimenticare il “Game Over” apparso sul profilo del vice sindaco, riferendosi proprio a quest’ultimo.

Ebbene, senza scendere nel merito (per quello ci sono i giudici) qualcuno dovrebbe insegnare alla Brogi che mentre chi viene colpito da una misura cautelare è un semplice indagato - e quindi non solo non condannato, come lo è oggi lei, ma neppure imputato - chi testimonia in un processo lo fa perché testimoniare è un obbligo, non si testimonia mai contro o per qualcuno ma in favore della verità."

"Ecco allora - aggiunge l'esponente leghista - che ci pare doveroso chiedere alla Sindaca Brogi coerenza e di utilizzare per se lo stessa il metro di giudizio che è avvezza ad utilizzare per gli altri.

Ponsacco, come spesso è stato ribadito anche dalla sua parte politica, non merita ‘ombre’ sulle persone che la devono rappresentare. Dopo questa tipologia di condanna sarebbe sempre più complicato per noi e per tutti i cittadini ‘pesare’ e dar credito alle parole di un Sindaco che non ha saputo, nell’occasione specifica, ponderare i giudizi o la loro stessa espressione. Le parole di questo Sindaco da oggi potrebbero essere ancor meno credibili, per questo le dimissioni sarebbero un atto di coraggiosa correttezza nei confronti di tutti i cittadini di Ponsacco, sia di quelli che l’hanno sostenuta sia di quelli che, come noi, l’hanno combattuta. Ma sì sa: il coraggio è un bene raro di questi tempi." 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca