QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°11° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 20 novembre 2019

Cronaca sabato 26 novembre 2016 ore 11:39

"L'angoscia condizionò le indagini su Jalal"

L'arresto di Jalal El Hanaoui

La corte di assise di Pisa ha emesso le motivazioni della sentenza che ha scagionato il 26enne marocchino accusato di istigare alla Jihad



PONSACCO — Le indagini che hanno portato all'arresto di Jalal El Hanaoui sono state condizionate da "angoscia collettiva" provocata dal terrorismo islamico fondamentalista. Ad affermarlo sono stati i i giudici della corte di assise di Pisa, una dichiarazione che arriva con le motivazioni della sentenza con la quale il 23 settembre scorso il 26nne marocchino è stato assolto ''perché il fatto non sussiste''.

Jalal El Hanaoui era accusato di aver istigato alla jihad usando Facebook. Secondo i giudici, l'indagine si è svolta in un clima "connotato dalla concomitanza di episodi delittuosi di tale matrice, che hanno scosso la comunità internazionale e che, verosimilmente, hanno pesantemente condizionato l'attività di indagine, coinvolta dall'accresciuto coefficiente di angoscia collettiva".

Per la corte di assise, a causa di questo condizionamento gli investigatori avrebbero assunto un atteggiamento "volto a convalidare posizioni di iniziale sospetto più che a sottoporre a vaglio gli elementi acquisiti".

Per i giudici, i post, i video e le immagini pubblicati su facebook dal 26enne, titolare di quattro account e amministratore sul social network di quattro gruppi di discussione di fede musulmana, sarebbero stati interpretati "alla luce di elementi di sospetto elevati al rango di verità indiscutibili" e considerati "fuori dal contesto"



Tag

Un'alleanza con Salvini? Ecco cosa ha risposto Matteo Renzi

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Politica