Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:15 METEO:PONTEDERA12°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 18 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Colpi di scena e beffa finale: cosa è successo in Milan-Spezia

Attualità giovedì 04 novembre 2021 ore 13:34

Donne vittime di violenza, chiedere aiuto si può

La presentazione dello Sportello antiviolenza

La Casa della Donna di Pisa ha attivato un nuovo sportello antiviolenza in provincia, questa volta con Comune di Ponsacco e Farmavaldera



PONSACCO — Dal 9 Novembre sarà attivo uno sportello di ascolto e di supporto per le donne, dove portare avanti anche attività volte al potenziamento della rete antiviolenza. Per le iniziative dello sportello, promosso dal Comune di Ponsacco insieme a Farmavaldera e attuato dal Centro antiviolenza della Casa della Donna di Pisa, già si pensa ad un corso di formazione per la rete locale e ad incontri di sensibilizzazione rivolti alla cittadinanza. 

"Lo scopo di queste attività di formazione - è stato sottolineato - è quello di aumentare la capacità delle istituzioni, enti e di tutti i cittadini di riconoscere le situazioni di violenza e di intervenire per accogliere e sostenere le donne e i loro bambini e bambine".

Lo Sportello Antiviolenza sarà attivo ogni martedì dalle 14 alle 17, nei locali del Comune di Ponsacco in Piazza Valli. Le consulenti di accoglienza, che gestiranno lo sportello, hanno una lunga formazione sulla violenza di genere ed in particolare sulla valutazione del rischio e sull’attivazione di interventi, anche in emergenza.Il servizio è completamente gratuito, garantisce riservatezza e anonimato ed è aperto a tutte le donne che abbiano bisogno di aiuto.

Dal 2020, anche a causa dei periodi di lockdown, che hanno costretto le donne ad una convivenza forzata, sono aumentate le situazioni di violenza domestica, e molte più donne si sono rivolte al centro antiviolenza della Casa della donna di Pisa, anche dei territori della Valdera: sono ben 454 le donne che si sono rivolte al Telefono donna (050 561628), la linea di ascolto del centro antiviolenza della Casa della donna. Il trend purtroppo è in crescita anche nel 2021: nel primo semestre sono state 213 le donne che hanno telefonato per la prima volta.

A chiamare sono soprattutto donne tra 30 e 49 anni, ma nel 2020 sono aumentate le giovani donne tra 18-29 anni. Per oltre il 74% si tratta di donne italiane e nel 49,6% dei casi di donne con figli. "La possibilità per le donne di rivolgersi ad un servizio attivo nel territorio e di essere accolte - ricordano dalla Casa della Donna - permette di intervenire nelle situazioni di violenza intra-familiare, attivando in tempi rapidi percorsi di uscita dalla violenza ed evitare esiti che possono essere drammatici".

“Il progetto che realizzeremo a Ponsacco è di ampio respiro - così Carla Pochini, presidente Casa della Donna – e unisce più interventi: lo sportello offre aiuto diretto e sostegno alle donne, la formazione della rete aumenta la capacità di riconoscere ed intervenire, prevenendo l’aggravarsi del rischio per donne e i loro figli, la sensibilizzazione costruisce una comunità attenta e capace di attivarsi promuovendo una cultura che contrasta la violenza sulle donne. L’amministrazione comunale di Ponsacco e Farmavaldera hanno dimostrato una grande sensibilità e la consapevolezza che per fermare la violenza sulle donne è necessario agire con una visione complessiva”.

“Lo sportello antiviolenza di Ponsacco” – ha commentato la sindaca Francesca Brogi - costituisce un’azione concreta messa in atto dall’Amministrazione comunale in difesa delle donne in una situazione di reale allarme sociale. Vuole essere un punto di riferimento non solo per il territorio di Ponsacco ma anche per i comuni limitrofi. Il servizio sarà attivato grazie al contributo economico di Farmavaldera, reimmettendo in circolo parte delle risorse maturate dalla gestione della farmacia comunale Le Melorie”.

"Il progetto, di respiro pluriennale – ha aggiunto l'assessore alle politiche sociali David Brogi – mette a disposizione anche un corso di formazione rivolto a forze dell’ordine, servizi territoriali, medici di famiglia, pediatri di base e associazioni di primo soccorso, che ha lo scopo di potenziare la capacità degli operatori di riconoscere le varie forme di violenza e di discriminazione, di accogliere e sostenere le donne in sinergia con gli altri soggetti della rete locale”.

Il numero del “Telefono donna” 050 561628 è attivo dal lunedì alla domenica con orario 10-13 e 16-18, il martedì dalle 10 alle 18. E’ possibile prendere un appuntamento, in totale riservatezza e anonimato, presso lo sportello del Comune di Ponsacco o in uno degli altri sei attivi nei comuni della zona pisana (sul sito casadelladonnapisa.it gli orari e le modalità di accesso agli sportelli). Attivo, inoltre, l'indirizzo di posta elettronica centroantiviolenza@casadelladonnapisa.it


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Protagonisti una decina di giovani che si sono affrontati con violenza in via Rossini. L'episodio in un video poi finito sul web
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Carmen Talarico

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca