comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PONTEDERA9°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 19 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Bellanova: «Italia viva si asterrà in Senato. Serve riprendere il discorso sui temi, non mettere in discussione la maggioranza»

Attualità giovedì 03 dicembre 2020 ore 16:48

​Al via i buoni alimentari e non

L'Amministrazione comunale lancia in questo dicembre la nuova campagna per sostenere le famiglie. Con la novità di interventi anche non alimentari



PONTEDERA — Da domani riapre il bando per aderire alla nuova distribuzione di buoni alimentari per cittadini e famiglie colpiti dalla crisi economica dovuta al Covid, con una novità: ai beneficiari saranno distribuiti anche buoni per beni non alimentari (ad esempio capi d'abbigliamento).

Per questa nuova campagna Palazzo Stefanelli ha stanziato circa 100mila euro per i buoni alimentari e 30mila anche per quelli non alimentari

Dal marzo a ottobre di quest'anno il Comune di Pontedera ha speso per questa attività benefica 410mila euro, di cui 193mila per commissione sociale, 104mila per la grande distribuzione, 28mila per la spese di vicinato e 84mila nel settore emporio, ovvero acquisto di merci e gestione. Per ora sono state diverse centinaia i cittadini e le famiglie che hanno usufruito di questi buoni. 

Il bando di adesione consultabile sul sito del Comune sarà disponibile da domani fino all'11 Dicembre. 

Dal 12 Dicembre inizierà la distribuzione, di questa seconda tranche di aiuti ai beneficiari che ne avranno diritto. Sono stati ampliati anche i requisiti, in maniera tale da dare risposte ad una platea più ampia. Sempre da domani sul sito, in una apposita sezione del bando, sarà possibile anche registrarsi anche per i commercianti che si rendono disponibili ad accettare questi buoni (alimentari e no), e che finora non lo avevano fatto. 

Gran parte degli aiuti infatti potranno e dovranno essere spesi sul territorio. Per esempio i buoni spesa non alimentari potranno essere consumati solo nelle attività del territorio pontederese e non nei supermercati.

E' stata l' assessore al sociale, Carla Cocilova a introdurre l'argomento, seguita dall'assessore-vicesindaco Alessandro Puccinelli che ha spiegato la novità dei buoni anche non alimentari. "Tutti i negozi non alimentari della città - ha detto il vicesindaco - potranno registrarsi. Abbiamo pensato di aiutare così le persone fragili a poter fare qualche spesa per Natale e i commercianti ad avere uno stimolo non marginale, a rimanere aperti".

All'insegna del motto "chiunque ha cercato un aiuto lo ha trovato", la conferenza stampa alla quale erano presenti anche rappresentati di Confcommercio e Confesercenti, si è conclusa con l'intervento del sindaco Matteo Franconi che per primo a ricordato come tutti questi aiuti si sommino al milione e mezzo di euro che il Comune trasferisce per le spese sociali, alla Società della Salute. Quindi Franconi ha elogiato e ringraziato i medici di famiglia e il personale ospedaliero e delle Rsa ricordando che "a Pontedera, purtroppo, sono stati 500 i contagiati, per cui l'attenzione deve essere ancora massima". 

"Siamo pronti alla ripartenza mentre invitiamo gli imprenditori, gli empori a altri settori a non fare passi indietro rispetto. Ringraziamo nuovamente - ha concluso il sindaco - il mondo del volontariato che continua la sua importante attività mentre in attesa dei vaccini dobbiamo traghettarci, con sacrifici, al meglio possibile verso questo appuntamento, e scongiurare una terza pandemia". 

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS