comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:00 METEO:PONTEDERA10°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 03 dicembre 2020
corriere tv
Vaccino anti-covid, Ippolito: «Chi è stato positivo non dovrà farlo»

Attualità giovedì 19 novembre 2020 ore 11:02

"Chez nous... le cirque!" al Campino di Gello

La tenda di "Chez nous... le cirque!"

Via libera dalla giunta comunale all'insediamento della onlus cascinese sul terreno della parrocchia, con un tendone e due carrozze museo-biblioteca



PONTEDERA — Il tendone da circo e due carovane in legno della onlus "Chez nous... le cirque!", in difficoltà a trovare una nuova sede a Cascina, potranno ora insediarsi nei terreni di Gello denominati "Il Campino", di proprietà dell'Ente Chiesa parrocchiale di San Lorenzo Martire. Quest'ultimo, infatti, ha manifestato il proprio favore alla realizzazione del progetto “Circondominio” presentato dalla onlus e la giunta comunale lo ha accolto in toto, ravvisando l'interesse sociale e pubblico dell'iniziativa.

Il passaggio formale mette fine alla vicenda dello "sfratto" da Cascina della Società Cooperativa Sociale Sportiva Dilettantistica guidata da Cristiano Masi, che promuove l'arte circense anche con attività di clownterapia negli ospedali toscani. Una vicenda che portò a varie manifestazioni di protesta ed ebbe ribalta nazionale, tramite Striscia la notizia, finché il sindaco pontederese Matteo Franconi non si fece avanti, dicendosi disponibile a trovare una nuova casa alla tenda da circo di "Chez nous...". 

Adesso il passo formale. "Lo studio e la pratica delle arti circensi e del clown - si legge nella delibera di giunta con cui si approva l'insediamento della onlus a Gello - sarebbero un’opportunità unica per costituire un nuovo centro di aggregazione sociale e culturale che, nel breve futuro, potrebbe arricchire il territorio di una risorsa dinamica e vitale mirante all’armoniosa integrazione di tutta la popolazione, nel rispetto e nella comprensione della diversità, sia essa sociale, culturale, o di altra origine. “Circondominio” diverrebbe una vera e propria piccola “città” circense, interamente dedicata alla pratica delle attività circensi ed allo studio del mondo del circo e della figura del clown".

Questo perché il progetto "Circondominio" prevede anche l'installazione di due carovane in legno, nelle quali potrà trovare spazio "un archivio attivo e permanente di studio delle arti circensi, un’esposizione straordinaria di alcuni tra i pezzi più significativi e prestigiosi della collezione dell’unico Museo del Circo in Italia a disposizione della Cooperativa Chez nous, …le cirque!”, con un’area dedicata alla biblioteca, un’attrezzata videoteca, un’area di gestione delle informazioni ed un’area espositiva con vecchi costumi, attrezzi circensi, cimeli e ricordi".

All'interno del piccolo tendone da circo, invece, potranno svolgersi "spettacoli ed eventi, lezioni pratiche di Scuola di Circo dedicate a bambini, ragazzi, adolescenti e adulti e corsi di formazione per nuovi operatori di circo, clown e Clown Dottori nella consapevolezza che: la Scuola di Circo e lo studio della figura del clown mirano a favorire un’armoniosa crescita e maturazione psico-fisica degli allievi, sollecitandone ed esercitandone la concentrazione, la creatività, la coordinazione, l’equilibrio, l’autostima, la costanza e l’ironia, nella costante armonizzazione delle diversabilità e delle diversità; rispetto ad attività sportive di tipo agonistico e competitivo, viene privilegiato l’aspetto ludico, educando alla collaborazione ed alla cooperazione per un fine comune, che viene conseguito necessariamente attraverso la comunicazione, il rispetto reciproco e l’integrazione delle diverse abilità e caratteristiche".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità