Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:30 METEO:PONTEDERA13°25°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 07 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Civili torturati, trincee, bunker e mitragliatrici come nel 1915: viaggio nella prima linea ucraina dopo Kherson lungo il fiume Dnipro

Attualità mercoledì 21 giugno 2017 ore 09:53

Emergenza siccità per l'agricoltura in Valdera

Coldiretti lancia l'allarme. Dichiarato lo stato di emergenza in Toscana. Il decalogo per combattere gli incendi e la possibilità di segnalare danni



PONTEDERA — La primavera più calda degli ultimi due secoli unita alle temperature estive che si sono “abbattute” sulla Toscana con temperature massime che hanno superato i 28 gradi (+3,3 gradi rispetto al 2016), al crollo delle precipitazioni (-64% pioggia rispetto alla prima decade di giugno del 2016) e alla drastica riduzione delle riserve idriche stanno mettendo a dura prova l’agricoltura. 

Compromessi i raccolti, dagli ortaggi alla frutta ma anche cereali ed i foraggi per l’alimentazione degli animali. A lanciare l’allarme, anche sulla zona della Valdera, è Coldiretti Pisa che informa le imprese della possibilità di segnalare ad Artea, tramite l’apposito modulo, eventuali danni derivanti dal perdurare della siccità. 

Nel frattempo la Regione Toscana ha anticipato al 10 giugno il periodo a rischio per lo sviluppo di incendi boschivi e il conseguente divieto assoluto di abbruciamento di residui vegetali agricoli. In Toscana è stato dichiarato, negli scorsi giorni, lo stato di emergenza con l’attivazione di una speciale task force che dovrà presentare entro 30 giorni un piano straordinario di interventi per mitigare gli effetti della carenza idrica che è già misurabile nei nostri fiumi e nelle nostre riserve idriche. 

“L’agricoltura è in forte sofferenza – spiega Fabrizio Filippi, Presidente Coldiretti Pisa - Scarseggiano i foraggi per il bestiame e stiamo registrando un crollo della produzione di miele. Manca l’acqua potabile in molti comuni mentre nei campi la carenza idrica sta provocando ingenti danni. L’emergenza è diffusa su tutta la provincia”.

Caldo e siccità sono un mix esplosivo che - sottolinea Coldiretti - si somma all’avanzata del bosco che senza alcun controllo si è impossessato dei terreni incolti con una densità che li rende del tutto impenetrabile ai necessari interventi di manutenzione, difesa e sorveglianza. Per combattere gli incendi Coldiretti ha anche elaborato un decalogo. 

La prima regola per non causare l'insorgenza di un incendio nel bosco è quella - afferma Coldiretti - di evitare di accendere fuochi non solo nelle aree boscate, ma anche in quelle coltivate o nelle vicinanze di esse, mentre nelle aree attrezzate, dove è consentito, occorre controllare costantemente la fiamma e verificare prima di andare via non solo che il fuoco sia spento, ma anche che le braci siano completamente fredde. 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Esponenti del centrodestra e del centrosinistra hanno espresso la solidarietà alla vittima dell'aggressione e preoccupazioni per il fatto accaduto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Alfio Zocchi

Martedì 04 Ottobre 2022
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità