QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°16° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 20 novembre 2019

Attualità mercoledì 15 novembre 2017 ore 16:05

Formalmente costituito il comitato 'Sicurezza 4.0'

La ha fatto sapere il principale promotore, Matteo Arcenni. A breve è previsto un primo incontro pubblico, anche per trovare finanziamenti



PONTEDERA — Si è formalmente costituito il comitato denominato “Pontedera sicurezza 4.0”, cui hanno aderito alcuni cittadini e commercianti.  A darne notizia Matteo Arcenni, che ha promosso e sostenuto l'iniziativa, in seguito all'allarmante escalation di criminalità registrata in città da qualche mese a questa parte. Adesso, però, serve trovare chi lo finanzi.

"Nei prossimi giorni - hanno fatto sapere dal comitato - sarà programmato un incontro pubblico per la presentazione delle proposte concrete, finalizzate al contenimento della criminalità diffusa (furti, scippi, rapine, spaccio, prostituzione) che hanno messo in allarme la cittadinanza, fino al punto da raccogliere, in poche ore, ben seimilacinquecento firme di persone che chiedono maggiore sicurezza, decoro urbano, pulizia e controllo del territorio". 

Dal comitato, che sin dall'inizio si è definito apolitico, si auspica la partecipazione e la collaborazione del maggior numero possibile di cittadini. "Sappiamo bene - prosegue la nota - che le leggi attuali, nonché la limitata disponibilità di risorse investite sia dallo Stato per le forze di polizia nazionali sia dal Comune nella polizia municipale, limitano l’azione di contrasto alla criminalità in quanto troppo spesso le persone eventualmente arrestate vengono immediatamente rilasciate, libere di tornare a delinquere. Riteniamo che, a fronte di questo stato di cose, l’unica possibilità di contrasto che può essere offerta dalla comunità locale possa essere fornita dalla collaborazione dei cittadini stessi che, nel pieno rispetto delle leggi e in cooperazione con le autorità, possono garantire un controllo diffuso e costante".

La collaborazione fra i cittadini e con le forze dell'ordine sarà gestita e organizzata attraverso un'app per smartphone, da cui quel "4.0" all'interno della denominazione del comitato appena costituito. Spiegano in proposito dal comitato: "La nostra idea è quella di riunire in rete tutti le persone disponibili, tramite un’apposita applicazione chiamata 'presidio civico' da installare sui telefoni cellulari dei cittadini interessati al progetto, collegata a un servizio di vigilanza in ore notturne, che copra con una o più autopattuglie tutto il territorio di Pontedera. L’autopattuglia sarà collegata con tutti coloro che lo vorranno, la centrale operativa del servizio riceverà in tempo reale segnalazioni, immagini, video e notizie di quello che accade sulle strade di Pontedera, operando da filtro e orientando rapidamente sia la stessa autopattuglia, sia le altre autopattuglie presenti sul territorio e collegandosi via Gsm o via radio con le forze dell’ordine al fine di garantire una più solerte ed attenta verifica della situazione e la capacità di intervento propria della Polizia e dei Carabinieri. Tutto ciò in accordo con il Comune di Pontedera e la prefettura di Pisa".

Ma i soldi chi ce li mette? "Il costo di tale servizio è assolutamente sostenibile - conlcudono da 'Pontedera sicurezza 4.0' - e potrebbe essere coperto in parte dal Comune, in parte dalle associazioni commercianti e, volendo, anche dai cittadini che potrebbero ricevere dal Comune un corrispondente sgravio sulle tasse locali. A tal fine organizzeremo un incontro pubblico da tenersi in una delle sale comunali disponibili, in occasione del quale si possa discutere le nostra proposta e valutarne di nuove".


 



Tag

Un'alleanza con Salvini? Ecco cosa ha risposto Matteo Renzi

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Cronaca