QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°16° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 20 novembre 2019

Lavoro lunedì 13 novembre 2017 ore 12:12

"I soldi alle aree di crisi soffocano la Valdera"

Marcello Casati (Uil)

Forte la preoccupazione di Marcello Casati (Uil), per i milioni di euro stanziati dal Mise in favore delle province di Livorno e Massa Carrara



PONTEDERA — La lettera di Marcello Casati, storico sindacalista della Uil, arriva all'indomani degli accordi siglati fra Regione Toscana e Ministero dello sviluppo economico, in favore delle delle province di Livorno e Massa Carrara, dichiarate aree di crisi, complessa la prima semplice la seconda. Per le aziende di queste due province è in arrivo una pioggia di milioni di euro, a sostegno delle aziende e del lavoro. La preoccupazione di Casati è che tutto questo possa provocare un ulteriore impoverimento industriale nei territori limitrofi, in provincia di Pisa e in Valdera in particolare.

Di seguito la lettera di Casati.

"Leggo sulla stampa dell'accordo tra la Regione Toscana e il Ministero dello sviluppo economico, per dare incentivi alle province di Massa Carrara, e di Livorno: venti milioni a Massa Carrara e 14 milioni a Livorno Piombino. Un accordo che oltre ai capoluogo e a Piombino interessa altri comuni dei territori per rilanciare l'economia locale. 'Buone notizie per la costa Toscana e le sue aziende': così è scritto.

Non è per fare polemica, o per iniziare una guerra tra poveri, come affermano alcuni amministratori e politici locali, oppure non riconoscere la crisi occupazionale presente nelle due provincie costiere della Toscana.

La cosa che mi preoccupa è che, per l'ennesima volta, la provincia di Pisa e in particolare la Valdera sono escluse da qualsiasi forma di incentivo per rilanciare la nostra agonizzante economia. Anche se non seguo più settori produttivi non posso sottacere a un totale abbandono dell'economia locale, che da anni espelle e diminuisce manodopera e non investe per il futuro.

La cosa che mi preoccupa è che nessuno, dico nessuno, è capace di fare un'analisi effettiva della nostra economia locale e del suo incerto futuro. Amministratori, politici, rappresentanti imprenditoriali e altri ancora, si fanno solo vedere quando il 'morto è nella bara'. Davanti alle televisioni e sui giornali promettono e fanno tanti discorsi, mentre i loro colleghi delle altre provincie costiere fanno i fatti e tentano di rilanciare le produzioni locali. Non sanno neppure, o non lo vogliono dire, quanta manodopera abbiamo perso negli ultimi dieci anni.

Tra licenziamenti, dimagrimenti e tutto quello che serve a diminuire la manodopera, il sindacato da solo non può fare nulla, se non cercare di rendere meno doloroso un male che, a mio avviso, sembra oramai incurabile. Sarò crudele, ma penso che un 'parco' politico e amministrativo come questo, specialmente rivolto alla Valdera, non ce lo meritiamo. Tra studi fatti per abbellire Viale Rinaldo Piaggio con fioriere e panchine, ristoranti a forma di fungo alla stazione di Pontedera e tutto quello che si sente dire sugli investimenti futuri, la nostra Valdera 'sta a guardare gli incentivi che passano dalla FI PI LI' per aiutare economie in crisi.

Casati Marcello UIL"



Tag

Un'alleanza con Salvini? Ecco cosa ha risposto Matteo Renzi

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità