QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14°16° 
Domani 16°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 16 luglio 2019

Attualità domenica 07 aprile 2019 ore 11:06

Il Roma muta anima. Ma l'insegna resti!

E' stato l'ultimo ad aprire e l'ultimo a chiudere tra i grandi e gloriosi locali cittadini di cinema, teatro ed eventi del secolo scorso.



PONTEDERA — Da che mondo è mondo Il nuovo distrugge il vecchio ma almeno l'insegna del "Cinema-Teatro Roma", che sta per diventare una scuola di musica, va gelosamente conservata. Un appello forse già fatto ma da ribadire che ci offre anche l'occasione di una carrellata sui cinema -teatro pontederesi che hanno caratterizzato l'intero secolo scorso. 

Nel cinema- teatro Massimo dove combatté anche Sandro Mazzinghi e dove le ballerine di Macario provocavano nei maschietti brividi da sopra e sotto il palco, fino al record di spettatori per il primo film di Pieraccioni, ora operano una banca e un parcheggio multipiano. L'Italia di via Saffi è invece diventato un condominio con negozi a piano terra e chiostro.parcheggio al posto del locale estivo mentre quello dei comunisti in piazza Belfiore  - chiamato Aurora in omaggio all'incrociatore che dette il via alla rivoluzione sovietica - ha lasciato da mezzo secolo il posto a costruzioni varie. E potremmo continuare col cinema fascista Balilla diventato palestra Marconcini e prima ancora col teatro e poi anche cinema Andrea fornito di tre file di palchi nel '43 distrutto dalla guerra e mai ricostruito, e via e via. Ma ci fermiamo qui.

L'ultimo a resistere ai tempi nuovi che inevitabilmente, ribadiamolo, spazzano via quelli vecchi per vivere la loro stagione - e qui entra il ballo il 'gigante" multisala Cineplex, di fronte al quale la saletta Carpi e il cinema estivo dell'Arci fanno tenerezza in senso buono - è stato il Roma di Corso Matteotti. Costruito 60 anni fa e chiuso al superamento del mezzo secolo gloriosa di vita. il locale è ancora di proprietà parrocchiale e sostituì in grande il piccolo cinema accluso all'oratorio di via della Misericordia. Un bel locale, il Roma, per la cui cui costruzione fu sacrificata e trasformata in palco una delle due cappelle della Chiesa Vecchia-Santuario del Crocifisso. Uno due due edifici, la chiesa, che insieme al Palazzo Pretorio furono realizzati fra il XII e XIII secolo quando nacque la Pontedera incastellata, ovvero protetta da mura e torri poi abbattute nel secolo XVI. 

Al Roma, per accennare soltanto a due presenze, hanno recitato le più grandi compagnie teatrali italiane - la famosa coppia Paola Gassman-Ugo Pagliai era presente tutti gli anni e al Roma ha tenuto uno dei suoi primi comizi in Toscana nientemeno che il fondatore della Lega Nord Umberto Bossi. In tema di cinema e teatro, ma se Pontedera non ha comunque di che lamentarsi perché dopo Cineplex il teatro Era è diventato addirittura di valenza nazionale, anche il Roma e il teatro sperimentale di via Manzoni hanno avuto le loro glorie.

Per concludere, si torna da capo. Il Roma diventerà una grande accademia musicale ma a guai a toccare l'insegna storica di "Cinema.Teatro Roma".

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Lavoro

Sport