QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 9° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 14 novembre 2019

Attualità giovedì 22 marzo 2018 ore 14:15

Incentivi per attività innovative in centro

L'amministrazione offre soldi a fondo perduto e sgravi fiscali a chi lancia una nuova idea di commercio per l'area del Centro commerciale naturale



PONTEDERA — L'idea alla base del bando messo a punto dall'amministrazione lo ha spiegato l'assessore alle attività produttive Angela Pirri. "Volevamo dare un segno chiaro alla città - ha detto -, convinti che il futuro di Pontedera sia nell'innovazione. Per questo motivo, volendo incentivare l'apertura di nuove imprese commerciali, andremo a premiare i giovani e idee innovative di attività che non siano i soliti bar e ristoranti".

Il bando, aperto fino al 30 luglio, offre agli imprenditori 2500 euro in contanti e l'esenzione per 12 mesi dal pagamento dell'imposta sulle insegne e della Cosap (suolo pubblico). In cambio l'attività dovrà insediarsi entro e non oltre il 31 dicembre all'interno del Ccn, il Centro commerciale naturale di Pontedera delimitato a Nord dalla Toscoromagnola, a Sud dalla ferrovia, a Est dal fiume Era e a Ovest da via Carducci. Inoltre, qualora il contributo sia accordato, l'imprenditore si deve impegnare a mantenere aperta l'attività per almeno due anni, pena la restituzione degli incentivi ottenuti.

Al momento l'amministrazione ha messo a disposizione 20mila euro, vale a dire che potranno beneficiare di questi incentivi otto attività al massimo. "Prevedendo già un nuovo bando per il 2019 - ha spiegato l'assessora -, nel 2018 andremo a stilare una graduatoria di tutti i richiedenti e erogando gli incentivi a quelli che avranno il maggior punteggio". Tra gli elementi considerati premianti l'età del proponente, se sotto i 40 anni, ma anche la competenza e l'esperienza nel settore e la validità del progetto d'impresa, compreso il numero di occupati previsto.

"Le tipologie di impresa escluse dal bando - ci ha tenuto a sottolineare Pirri - sono bar, ristoranti, franchising, sale giochi e sale scommesse (in questo caso anche per questioni di prevenzione) e ancora articoli monoprezzo, attività di 'compro-oro', sigarette elettroniche, servizi di telefonia mobile, armi, munizioni e materiale esplosivo, money tansfert, banche, assicurazioni e finanziarie. Questo perché vogliamo premiare l'innovazione e le idee originali che i nostri giovani certamente hanno".

I 2500 euro erogati a fondo perduto possono essere utilizzati l'affitto, la progettazione o la ristrutturazione del fondo commerciale, oppure per l'acquisto di beni e prodotti strumentali indispensabili per l'attività. 

"Al di là delle categorie escluse - ha concluso l'assessora Pirri - resta un ampio margine per attività che immaginiamo affini all'artigianato o all'innovazione tecnologica. L'invito è soprattutto ai giovani, affinché si facciano avanti con idee originali e innovative ma, per dire, anche un laboratorio per la pasta fresca può andare benissimo".

Documenti indispensabili per partecipare al bando sono una relazione dettagliata del piano d'impresa, compreso un modello di fattibilità, e una dichiarazione attestante la disponibilità di un locale idoneo, all'interno del Centro commerciale naturale.



Tag

Venezia, le immagini aeree di Pellestrina invasa dall'acqua

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Cronaca