QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 10°13° 
Domani 13°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 21 settembre 2019

Attualità lunedì 30 maggio 2016 ore 13:20

Indovina l'acqua che bevi

Foto di: Ufficio stampa Acque SpA

A Montecastello Acque Spa ha organizzato un test, più della metà delle persone non è riuscita a riconoscere l'acqua del rubinetto dalla minerale



PONTEDERA — Domenica 29 maggio a Montecastello Acque SpA, gestore idrico del Basso Valdarno, ha partecipato alla manifestazione rivolta a bambini e ragazzi C'era una volta un Castello

Particolare interesse è stato dimostrato per il gioco Indovina l'acqua che bevi, esperienza consolidata negli anni da Acque SpA soprattutto nel rapporto con scuole e famiglie. Il gioco prevede l'assaggio anonimo di tre tipologie d'acqua e la richiesta di individuare quale sia acqua di rubinetto, quale quella minerale oppure di sorgente. Il risultato, come di consuetudine, è stato meno scontato di come ci si potrebbe immaginare.

La combinazione proposta ai 111 partecipanti al gioco è stata: 1) rubinetto 2) minerale 3) sorgente. Hanno indovinato la combinazione corretta in 37 (appena 1 ogni 3 sul totale dei partecipanti), mentre solo 53 (meno del 48%) sono riusciti a distinguere l'acqua di rubinetto dalle altre due

"In particolare - hanno spiegato da Acque SpA - l'acqua di rubinetto offerta è proprio quella distribuita a Montecastello, proveniente dalla centrale idrica di Treggiaia. Il gioco ha ovviamente lo scopo di proporre il tema della bontà, anche organolettica, dell'acqua erogata dall'acquedotto e di sottolineare quanto ancora sia radicato il pregiudizio sulla effettiva qualità dell'acqua di rete. Fornire acqua non solo potabile ma anche di buona qualità, buona da bere, è da sempre uno degli obiettivi principali di Acque SpA. Anche per questo, vengono effettuati continui e meticolosi controlli sull'acqua. Lo scorso anno, ad esempio, Acque SpA attraverso il proprio laboratorio di analisi ha determinato 235mila parametri attestando una conformità dell'acqua potabile di oltre il 99,8 per cento. Le pochissime non conformità rilevate si riferiscono quasi esclusivamente a parametri indicatori, che non incidono sulla potabilità dell'acqua, o a falsi positivi, ovvero parametri che ad un immediata verifica risultavano entro i limiti".



Tag

«Rilanciamo il turismo con le donne in vetrina», la proposta del consigliere regionale leghista toscano che indigna

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Politica