Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:PONTEDERA13°26°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 21 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Azovstal, il ministero della Difesa russo rilascia il video della resa degli ultimi soldati

Attualità sabato 27 ottobre 2018 ore 11:00

​Mario e il Presidente: due incontri e un mancato invito

Mario Marianelli

Il colloquio con Gronchi e la festa d'addio a Mosca. "Ma al teatro Era non sono potuto andare... "



PONTEDERA — Due volte Mario Marianelli ha incontrato il presidente pontederese della Repubblica, mentre il 18 ottobre scorso non ha potuto ascoltare Sergio Mattarella, in visita a Pontedera per onorare Gronchi, perché, dice e lamenta con dignità l'ex vicesindaco, "non mi è arrivato l' invito alla cerimonia al teatro Era". 

Quando Giovanni Gronchi fu eletto presidente della Repubblica -11 maggio 1955 - Mario Marianelli, comunista, futuro studente semi clandestino a Mosca, poi vicesindaco e dopo la rottura col Pci, benzinaio e fondatore della lista civica, aveva 24 anni ma non aveva più un lavoro. La Piaggio l'aveva infatti licenziato insieme ad altri due compagni con l'accusa di aver organizzato scioperi e manifestazioni in fabbrica. E quando Gronchi venne in visita alla sua città - 9 giugno, un mese meno due giorni dopo l'elezione - accettando anche di incontrare una delegazione di piaggisti, proprio Marianelli fu incaricato dal partito e dal sindacato di porgergli il saluto e le lamentele dei lavoratori "per il clima di grande repressione in fabbrica". 

Gronchi l'ascoltò, poi chiese informazioni al prefetto e infine disse al suo segretario personale di parlare con i tre licenziati per aiutarli a trovare un nuovo lavoro. Che fu promesso sopratutto a Marianelli, il più giovane. Ma il lavoro non arrivò mai e il Pci mandò Mario a Mosca a studiare comunismo. Col ruolo, ma non era il solo, di studente non ufficiale. Ma quando a Mosca, febbraio 1960, arrivò anche Gronchi, una visita famosa che portò contrasti nella Dc ma che il Presidente volle fortemente. Marianelli riuscì a trovare un invito alla festa d'addio alla Russia ma fu presente senza farsi riconoscere e magari parlare col Presidente "da pontederese a pontederese" perché, appunto, glielo impediva il suo ruolo di semi clandestino.

Da allora sono passati 58 anni e Mario Marianelli avrebbe voluto ascoltare Mattarella che stima e che parlava di Gronchi al Teatro Era. "L' invito - dice - non mi è arrivato".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto a Peccioli, nella strada che costeggia il lago della Piappina. Richiesto l'intervento anche dell'elisoccorso Pegaso
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Cultura

Cronaca