QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 20°21° 
Domani 18°28° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 19 agosto 2019

Cronaca martedì 16 maggio 2017 ore 15:29

Muore conosciutissimo medico del pronto soccorso

Aveva lavorato per moltissimi anni nel dipartimento di emergenza del Lotti. Il cordoglio dell'Asl: "Un uomo di altri tempi, genuino all'inverosimile"



PONTEDERA — L’Azienda USL Toscana nord ovest esprime il proprio cordoglio per la perdita umana e professionale subita nei giorni scorsi dalla sanità locale a seguito della scomparsa del dottor Vincenzo Mioni.

"Il percorso professionale del dottor Mioni - hanno raccontato dall'Asl - cominciò oltre 40 anni fa, nel 1972, quando entrò a far parte dello staff diretto dal professor Cagianelli nel reparto di Medicina Interna dell'ospedale Lotti di Pontedera. Dopo una parentesi di servizio all'ospedale di Catelfiorentino, tornò a Pontedera nel Dipartimento di Emergenza dove rimase fino all’anno del meritato pensionamento avvenuto nel 2002. Qui arrivò a svolgere la funzione di responsabile medico del Pronto Soccorso rivoluzionando i percorsi e contribuendo, in maniera determinante, a realizzare ed applicare modelli innovativi e d'avanguardia".

Specializzato in pneumologia, si è occupato per anni anche di allergie relative all'apparato respiratorio seguendo per decenni pazienti che si sono da sempre affidati alla sua competenza e disponibilità: un lavoro che gli ha permesso di rimanere a contatto con i suoi pazienti fino alla fine esercitando fino a poche settimane prima della sua scomparsa.

"Mioni - hanno concluso dall'Asl - ha svolto l'attività di medico come una missione, considerando tutti uguali i suoi pazienti, senza alcuna distinzione. Le sue doti umane gli hanno consentito di lavorare con profitto in equipe e negli ultimi anni di carriera, nonostante i ruoli di grande responsabilità, amava proteggere i colleghi più giovani, trattandoli come figli. E' stato anche un marito, un padre, un nonno e uno zio meraviglioso, attento ad ogni esigenza della propria famiglia. Con gli amici disponibile e affabile, amava la compagnia, un animo nobile, un uomo di altri tempi genuino all'inverosimile. Da tutta l’Azienda USL le più sincere condoglianze alla famiglia".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca