QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11° 
Domani 13° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 15 novembre 2019

Spettacoli martedì 16 luglio 2019 ore 16:17

Naomi Berrill, al violoncello i colori d'Irlanda

Un percorso attraverso i generi e le epoche che parte dalla musica folk. Il concerto giovedì 18 luglio nel piazzale del Museo Piaggio



PONTEDERA — Proseguono gli appuntamenti gratuiti al piazzale del Museo Piaggio per l'edizione estiva del Pontedera Music Festival. Giovedì 18 luglio, alle 21, sarà la volta della violoncellista irlandese Noemi Berrill

I brani proposti, eseguiti per voce, chitarra e violoncello da Naomi Berrill, fanno parte dei primi due album da lei pubblicati, From the Ground (2014) e To the Sky (2017) e, in anteprima, anche alcuni brani di Suite Songs, il nuovo album di Naomi in uscita a settembre. Il tutto per offrire al pubblico un percorso attraverso i generi e le epoche che parte dalla musica folk e che ne segue i rivoli in cui si è trasformata nei secoli, con riferimenti diretti alla tradizione irlandese.

Naomi Berrill nasce a Galway (Irlanda) nel 1981. I suoi genitori, insegnanti di musica, hanno avuto un ruolo fondamentale nel suo percorso formativo. La madre Mairead è un punto di riferimento per l’insegnamento della musica nelle scuole irlandesi. Nel 1997 vince una borsa di studio per violoncello alla Royal Irish Academy of Music di Dublino. Nel 2000 si trasferisce a Glasgow dove studia presso l’Accademia RSAMD diplomandosi con Robert Irvine. Durante il suo percorso studia musica elettroacustica, jazz e folk, affiancando allo studio del violoncello, quello del pianoforte, del canto, della chitarra e del violino. Nel 2005 debutta come violoncellista con tre perfomance delle Variazioni Rococò con la Royal Scottish Academy Orchestra. Dopo il diploma si trasferisce in Italia dove studia con Enrico Bronzi e Francesco Dillon presso la Scuola di Musica di Fiesole, grazie alla quale incrocia il suo percorso artistico con la label Musicamorfosi che segna un’apertura verso nuovi generi musicali (classica, jazz, barocco, folk…). Nel 2011 si specializza in Musica da Camera alla Musik-Akademie di Basilea.

Negli ultimi anni Naomi ha scritto ed eseguito le musiche per il coreografo Virgilio Sieni, con cui ha partecipato a due Biennali di Danza a Venezia e importanti eventi tra cui Corpus al Palazzo Strozzi di Firenze, durante la mostra del Pontormo e del Rosso Fiorentino. Giovanni Sollima l’ha voluta in alcuni concerti del progetto 100 Cellos, fra cui quello del Primo Maggio a Roma. Il suo primo album From the ground (2014), ha raccolto successo di critica e di pubblico, distribuito anche in Giappone. Nel 2016 partecipa al progetto Purple Whales, con i migliori jazzisti toscani, con i quali ha inciso un live distribuito poi dalla rivista L’Espresso.

Nel 2010 fonda, e ne è attuale direttore artistico, “High Notes”, festival musicale che si svolge a luglio sulle Alpi Apuane. Artigiana della musica, Naomi Berrill scrive musica come fosse un manufatto artigianale dietro al quale si cela un lungo percorso, che va oltre i confini musicali, traendo ispirazione dalla pittura, la danza, il teatro, la poesia, ma anche la natura e l’ambiente. Queste le materie prime con cui Naomi ama lavorare.

Lady Lighthouse - Naomi Berrill - OFFICIAL VIDEO
Black is the colour | Naomi Berrill - official video


Tag

Pubblicità di Emanuele Filiberto: «I reali stanno Tornando, serve guida stabile»

Ultimi articoli Vedi tutti

Imprese & Professioni

Attualità

Attualità

Attualità