Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PONTEDERA13°27°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 24 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
No-vax contesta Letta e interrompe il comizio a Trieste: «Il vaccino è libertà?»

Attualità venerdì 09 luglio 2021 ore 18:00

Scuole Curtatone, Franconi fronteggia le polemiche

Plesso inagibile per 600 studenti, il sindaco mette in fila cinque precisazioni "prima che la polvere delle polemiche si posi sulla verità"



PONTEDERA — Il sindaco Matteo Franconi avrebbe temporeggiato prima di rendere pubblica la notizia dell'inagibilità della scuola Curtatone e Montanara, tant'è vero che nella conferenza stampa di due giorni fa subito si è parlato di soluzione alternativa con aule prefabbricate - grazie al contributo della Ecofor - per gli alunni delle medie e delle elementari Saffi. Forse si è trattato di un tentativo di anticipare le polemiche, che però non sono tardate ad arrivare. In più, c'è anche la giusta preoccupazione dei genitori, che vogliono sapere che fine faranno i loro figli a partire da Settembre.

Così, oggi, il sindaco Franconi affida ai social un elenco di cinque precisazioni, "prima che la polvere delle polemiche si posi sulla verità".  

Prima precisazione di Franconi: "Per programmare nel tempo investimenti di messa in sicurezza sismica di un edificio esistente occorrono delle indagini preliminari, puntuali, approfondite, onerose e specifiche. Le stiamo facendo e le faremo ancora perché la sicurezza delle scuole è la precondizione di qualsiasi altra priorità".

Seconda precisazione: "Nessuno spera né presume che questo tipo di indagini dia risultati negativi addirittura sulla idoneità statica di un edificio e che ci sia bisogno di inibirne l'uso. Chi dice di sapere da anni quel che è emerso oggi probabilmente ha competenze e capacità divinatorie che speriamo sappia mettere a frutto per sé e per gli altri. Forse è bene ripeterlo: lo studio serviva a capire in che modo programmare interventi per la messa in sicurezza sismica secondo i criteri previsti dalle norme e nei tempi consentiti. Abbiamo invece scoperto che dobbiamo occuparci anche della sicurezza statica perché siano rispettati i coefficienti minimi che negli anni si sono giustamente alzati per gli edifici scolastici".

Terza puntualizzazione: "Accogliamo e capiamo le preoccupazioni di tutti, delle famiglie disorientate ed arrabbiate, della dirigenza e del personale scolastico. Comprendiamo benissimo che si tratti di un disagio grande ed improvviso. Ma non possiamo che affrontarlo insieme e nel modo meno doloroso possibile soprattutto per i ragazzi". 

Quarto punto: "Ascoltiamo ed ascolteremo ogni commento, proposta ed indicazione utile di chi abbia voglia di dare il proprio contributo costruttivo a gestire il problema. Abbiamo da subito messo in campo un percorso prospettando strumenti per governare l'emergenza ma siamo aperti a valutare ogni idea che miri a costruire ponti verso soluzioni alternative e migliori. Viceversa non ci presenteremo, né oggi né mai, all'appuntamento fissato da chi, su una emergenza di questo tipo, preferisce il balletto della polemica per la polemica, da chi vi cerca convenienze politiche, da chi lancia allarmi irresponsabili ed infondati come se ogni edificio scolastico non avesse caratteristiche sue proprie, da chi, banalizzando le premesse, finisce per alzare polveroni utili solo ad avvelenare il pozzo delle soluzioni".

Quinta ed ultima precisazione del sindaco Franconi: "Stiamo lavorando, come scritto e detto pubblicamente, per mettere in campo tutte le risorse economiche, gestionali ed amministrative per far iniziare ai 600 ragazzi della Curtatone il prossimo anno scolastico in presenza ed in sicurezza ed al contempo per dare una prospettiva di medio termine alla nostra rete scolastica. Mettendoci la faccia ed ascoltando il parere di tutti".

A conclusione anche una considerazione: "Amministrare una città per noi significa avere anche la voglia ed il coraggio di affrontare questioni certamente difficili ma dirimenti per il futuro della comunità - così Matteo Franconi -. La fragilità del patrimonio edilizio scolastico è una di queste come conferma un numero certo: in Italia l'età media degli immobili è di 52 anni. Da questo dato dobbiamo partire per programmare attività, azioni ed interventi concreti senza farci sedurre dalla comodità del non cercare le criticità per il timore di trovarle."


Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Vigili del Fuoco sul posto per spegnere il rogo. Una persona ustionata è stata soccorsa dal 118. Ad andare a fuoco una tappezzeria
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca

Attualità