Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:59 METEO:PONTEDERA15°26°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 16 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
G7 in musica: Bocelli canta 'Nessun dorma', Biden chiude gli occhi, Meloni si scatena nel ballo

Attualità martedì 28 marzo 2023 ore 16:00

Usb, alla Piaggio scatta lo sciopero

Lo stabilimento Piaggio di Pontedera

Annunciata la serrata per la giornata di mercoledì 29 Marzo: "L'annata record del Gruppo Piaggio non porta alcun beneficio ai lavoratori"



PONTEDERA — "Piaggio da record: e i lavoratori?". Comincia così il lungo comunicato dell'Unione sindacale di base, che per la giornata di domani, mercoledì 29 Marzo, ha annunciato sciopero alla Piaggio, contestando alla proprietà di aver tralasciato i propri lavoratori a fronte di un'annata ricca di risultati.

"Venduti 1.700 veicoli al giorno, un fatturato da 2 miliardi e un utile netto di 84,9 milioni di euro - hanno scritto dal sindacato - anche gli anni precedenti sono andati molto bene, ma questa crescita quanti miglioramenti ha portato ai lavoratori e lavoratrici? L'ultimo contratto integrativo ha portato, a regime del triennio, 50 euro lordi di anticipo del premio di risultato e il conguaglio del premio di risultato non viene pagato dal 2011".

"Tutto ciò in un contesto in cui i salari italiani sono fra gli ultimi in Europa, più bassi del 12% rispetto al 2008 in termini reali. Questo grazie a Fim, Fiom e Uilm che hanno concesso di fatto il blocco salariale legando gli aumenti della contrattazione nazionale e aziendale - hanno aggiunto - abbiamo visto i titoloni sui giornali per le 105 assunzioni in Piaggio, ma la realtà è che anche quest'anno è stata firmata la deroga al Decreto dignità".

Per Usb, quindi, occorre guardare oltre le recenti assunzioni. "A Febbraio è stata firmata una procedura di licenziamento collettivo per 55 unità - hanno specificato - in più, nell’accordo, non vengono contate le dimissioni volontarie: quindi, il saldo occupazionale continua a calare. Ancora più grave è che, in due anni, in cui è stata firmata una deroga a una legge dello Stato, non è stata fatta nemmeno un’assemblea per illustrare l'accordo stesso".

"In questi mesi abbiamo visto lavoratori con più anzianità di servizio non ancora richiamati e i contratti a termine del 2019, che rimarranno fuori dalle assunzioni del 1° Aprile, rischiano di raggiungere i 36 mesi, il limite consentito dalla vecchia legge - hanno aggiunto - per non parlare, infine, della situazione in cui ci troviamo a dover lavorare: i tempi sono sempre più saturi e le attrezzature con cui si lavora sono sempre più vecchie. Tutto questo perché investire realmente in salute e sicurezza è visto solo come un costo che non porta nessun profitto".

"Gli operai producono ricchezza, ma hanno condizioni e paghe sempre peggiori - hanno concluso - è tempo di cambiare il sistema contrattuale".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Perde il controllo dell'auto e finisce capovolto senza poter uscire dall'abitacolo: intervengono i Vigili del Fuoco che lo estraggono in sicurezza
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Elezioni