QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 20°20° 
Domani 18°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 20 agosto 2019

Attualità venerdì 24 giugno 2016 ore 11:31

Va a ruba il trattamento antizanzare

Continua la distribuzione delle compresse da piazzare direttamente nelle case e nei giardini per limitare al massimo il fenomeno delle larve



PONTEDERA — Il 23 giugno, fra l'altro era giorno di distribuzione e dal comune fanno sapere che, sommando le giornata di ieri a quella del 17 giugno, sono state consegnate ai cittadini 191 confezioni da dieci pasticche l'una.

Il procedimento è semplice: basta presentarsi a Palazzo Stefanelli con un documento di identità e si ottiene il piccolo barattolo con le dieci pastiglie da sciogliere in acqua per la lotta ai focolai di larve. 

La distribuzione viene effettuata dai ragazzi della ditta "Salvambiente servizi d'igiene" che accludono un opuscolo informativo sulle buone norme da tenere per salvarsi dalla zanzare.

Ma questo sistema funziona? Abbiamo girato la domanda ad un agronomo, Luca Petrognani, che lavora per la ditta pisana Entomox:"E' una procedura molto corretta - dice l'esperto - questi strumenti vanno ad agire direttamente sulla larva, che prospera, come noto, al pelo dell'acqua. In più c'è la responsabilizzazione del singolo cittadino che opera dove sa, nella propria abitazione e nella sua proprietà".

Altra cosa importante da sottolineare è infatti quella che le zanzare si spostano poco nel loro ciclo vitale e difficilmente possono percorrere centinaia di metri. In sostanza seguendo gli accorgimenti giusti nei propri giardini il problema si può tamponare. "Proprio così - dice ancora Luca Petrognani - meglio interventi mirati delle disinfestazioni in grande stile".

A proposito, la scorsa estate, oltre a tante zanzare avemmo in Toscana un altro spiacevole ospite, il cosiddetto bruco americano ( Iphantria termine scientifico ) che colonizzò anche in Valdera molte piante a foglia larga come gelso, aceri, platani, tigli, costringendo molte persone alle disinfestazioni. Quest'anno va meglio? "Il lepidottero ormai è entrato anche da noi e ci vorrà qualche anno perchè la situazione si stabilizzi. Abbiamo già avuto segnalazioni intervenendo per tempo. Il consiglio che diamo a chi ha alberi a rischio è quello di osservare se sulle foglie ci sono segni di larve, in tal caso procedere subito prima che il problema diventi più grande man mano che si va avanti con la stagione calda".



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità