QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12°25° 
Domani 11°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 19 settembre 2019

Lavoro venerdì 02 gennaio 2015 ore 17:30

​Pronti, attenti…via ai saldi

Da domani, sabato 3 gennaio, partono i ribassi. Secondo Confcommercio, sconti medi sul 30 per cento soprattutto su abbigliamento, scarpe, accessori



PONTEDERA — Saranno circa 7500 le famiglie della zona che da domani, sabato 3 gennaio, acquisteranno un capo in saldo. Secondo le stime di Confcommercio Pisa, un pontederese su due, con un budget familiare di circa 280 euro, si rivolgerà soprattutto ai settori dell’abbigliamento, le calzature, gli accessori, per un valore complessivo di oltre 2 milioni e 100 mila euro.

Nonostante la previsione di una leggera flessione, i capi di abbigliamento continueranno infatti a rappresentare i prodotti più venduti (92 per cento), seguiti da calzature (66 per cento), accessori (22,7 per cento), biancheria intima (20,6 per cento), articoli sportivi (19,2 per cento), pelletteria (17,7 per cento). Gli sconti medi sono stimati intorno al 30 per cento.

Secondo Confcommercio, un italiano su quattro ha rinviato gli acquisti di Natale proprio in attesa degli acquisti di fine stagione, sia griffati che di prima necessità. In crescita sarebbe anche la percentuale dei consumatori che attribuiscono maggiore importanza al prezzo dei prodotti in saldo che non alla qualità: è il 35 per cento contro il 16,5 per cento registrato nel gennaio 2010.

“Sarà confermata la tendenza degli acquisti nei negozi tradizionali e una scelta sempre più orientata al prodotto di qualità a un prezzo accessibile – ha detto la presidente di ConfcommercioPisa Federica Grassini – spero che i saldi possano rappresentare per i negozi al dettaglio plurimarca finalmente un’occasione di rilancio”.

Ottimismo ma non troppo, vista la sfiducia generale fra i consumatori sempre più indirizzati al contenimento delle spese. “Saranno piccole le oscillazioni rispetto agli scorsi anni – ha commentato il vicepresidente di Confcommercio Valdera Giovanni Nuti – nell’insieme, la differenza la farà per il 50 per cento la credibilità del negozio e per l’altra metà la disponibilità reddituale del cliente. I saldi alla fine sono un’opportunità per il cliente e premiano soprattutto i negozi di tradizione, che rappresentano una garanzia superiore”.



Tag

Pd, Marcucci: «Scelta di Renzi sbagliata, io resto e metto a disposizione mio ruolo capogruppo»

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Cronaca

Sport

Attualità