QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16°21° 
Domani 13°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 15 ottobre 2019

Lavoro martedì 10 giugno 2014 ore 14:02

Renzi alla Piaggio, ma in Vietnam

L'azienda in cinque anni ha prodotto 400mila scooter nello stabilimento di Vinh Phuc



TOSCANA — Dopo l'esito dei ballottaggi, che se c'erano dubbi hanno riconfermato la vittoria del Pd un po' in tutta Italia, il premier Renzi torna davanti alle telecamere in Vietnam, dove ha visitato lo stabilimento di Hanoi a Vinh Phuc della Piaggio. Qui l'azienda motoristica ha 850 dipendenti e in cinque anni ha prodotto 410mila veicoli. Ha Renzi l'azienda, ha donato lo scooter numero 400mila uscito dalle catene di montaggio. Colaninno ha spiegato che quella di portare la fabbrica in Vietnam è stata un scelta dettata da una strategia globale per andare a conquistare i mercati asiatici che assorbono la quasi totalità mondiale dei veicoli a due ruote motorizzati.

Renzi è il primo capo di governo italiano che ha visitato gli stabilimenti Piaggio del Vietnam, che ora contano una superficie produttiva di 190mila metri quadrati che comprendono anche lo stabilimento dove vengono prodotti i motori.

Il presidente del consiglio Matteo Renzi, accompagnato all'ambasciatore d'Italia in Vietnam Lorenzo Angeloni, è stato accolto da Roberto Colaninno, presidente e amministratore delegato del Gruppo Piaggio e Matteo Colaninno, vicepresidente del gruppo.

"Sono orgoglioso di ricevere la visita del presidente del Consiglio italiano nel nostro polo produttivo vietnamita" ha affermato Roberto Colaninno. "Si tratta del più importante riconoscimento possibile per il lavoro di tutti i tecnici e i manager italiani che dal 2008 a oggi hanno realizzato il progetto Piaggio Vietnam, e per tutte le donne e gli uomini vietnamiti che lavorano con noi alla produzione e alla diffusione di un simbolo dell'Italia quale è la Vespa. Siamo partiti da prato verde, e in meno di cinque anni abbiamo già prodotto e venduto oltre quattrocentomila veicoli".

Sin dalle prime fasi successive all'acquisizione del controllo di Piaggio a fine 2003 da parte di Immsi, la strategia definita per il Gruppo Piaggio si è impostata sullo sviluppo internazionale. "In anticipo rispetto a numerosi altri costruttori occidentali, il Gruppo Piaggio ha perseguito una strategia di espansione globale" ha ricordato Colaninno. "Non abbiamo attuato una strategia di delocalizzazione; al contrario, parallelamente al rafforzamento della nostra posizione di leader del mercato europeo con la produzione realizzata in Italia, abbiamo deciso di andare a produrre nei mercati asiatici che, in misura crescente, assorbono in termini di volumi la quasi totalità della produzione mondiale di veicoli motorizzati a due ruote".

Matteo Renzi in visita allo stabilimento Piaggio in Vietnam


Tag

Manovra, Conte: «Quota 100 rimane, questo è l'indirizzo politico»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Spettacoli