QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12° 
Domani 9° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 10 dicembre 2019

Lavoro mercoledì 23 aprile 2014 ore 18:47

Sugli stagionali Piaggio fa saltare il tavolo

Più lontana l'assunzione dei 100 part time. L'azienda respinge le rivendicazioni dell'rsu Fiom. Si torna a trattare lunedì 28 aprile



PONTEDERA — Fumata nera al tavolo di trattativa tra Piaggio e i sindacati dei metalmeccanici. Si allontana l'ipotesi di assunzione per 100 stagionali che sarebbero potuti entrare in servizio da sabato prossimo. L'azienda ha infatti respinto i punti posti nella contrattazione dall'Rsu Fiom, ovvero la stabilizzazione dei lavoratori part time, il rinnovo del contratto integrativo e il pagamento del premio di produzione 2012 e 2013, oltre duemila euro previsti dal vecchi contratto integrativo e mai pagati.

L'azienda ha respinto le richieste dei lavoratori ribadendo che l'unica cosa su cui si ragionava era la chiusura dei contratti di solidarietà per le meccaniche e per le due ruote e l'assunzione dei 100 stagionali per i prossimi mesi. Al tavolo era assente per motivi di salute il segretario Fiom di Pontedera, uno dei motivi per cui l'incontro tra dirigenza Piaggio e segreterie sindacali e Rsu dei metalmeccanici pontederesi è stata aggiornata a lunedì 28 aprile. Il confronto comunque si preannuncia duro e la Piaggio non sembra voler accogliere le rivendicazioni dell'rsu Fiom.

Proprio per raccogliere le istanze dei lavoratori la rsu Fiom nella mattinata di oggi ha indetto un sciopero di un'ora durante il quale è stata fatta assemblea in modo da ricevere un bandato ben preciso dai lavoratori che poi i rappresentanti sindacali hanno portato al tavolo di trattativa.

Adesso le Rsu si incontreranno nuovamente con i lavoratori per capire cosa fare, ma nel frattempo hanno riferito dopo il tavolo che la posizione di  Piaggio durante la trattativa è stata netta. L'azienda avrebbe imposto di accettate le proprie condizioni, ovvero di uscire dalla solidarietà e far lavorare gli stagionali o niente. Una posizione che per il futuro potrebbe diventare pericolosa, qualora le segreterie dei metalmeccanici accettassero di firmare l'uscita dalla dai contratti di solidarietà, dato che gli ammortizzatori una volta chiusi non possono essere riaperti e attualmente con l'accordo dello scorso dicembre permetterebbero invece di arrivare fino ai primi mesi del 2015 utilizzando i contatti di solidarietà.



Tag

Evasione fiscale, Mattarella agli studenti: «Fenomeno indecente»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità