QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 18°24° 
Domani 16°26° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 21 ottobre 2019

Cronaca venerdì 27 dicembre 2013 ore 16:16

​Strisce pedonali o parcheggio?

Un caso di ambiguità della segnaletica, le strisce sono state disegnate dentro il parcheggio
Un caso di ambiguità della segnaletica, le strisce sono state disegnate dentro il parcheggio

Singolare caso della segnaletica stradale nel centro cittadino



PONTEDERA — Strisce pedonali o parcheggio? Trappola per automobilisti sbadati o test d'intelligenza? Sono in molti a chiederselo ormai da un po' di tempo. Siamo in piazza dei Caduti sul lato di sinistra del duomo di Pontedera (vicino al campanile), una delle zone più utilizzate dagli automobilisti per parcheggiare la macchina negli stalli blu a pagamento e raggiungere il centro cittadino. E questo singolare parcheggio da tempo genera dubbi e perplessità negli automobilisti in cerca di un posto per fermare la vettura. Qui è assai difficile trovare uno stallo libero. Sarà un parcheggio o saranno strisce pedonali e quindi non posso parcheggiarvi? Questa la domanda che scatta nella testa del guidatore. Un dubbio di difficile soluzione e molti preferiscono non rischiare lasciando il parcheggio vuoto. Insomma un caso di ambiguità della segnaletica stradale orizzontale lasciato lì da chi ha disegnato i parcheggi per sbadataggine o ironia. 

In realtà in questo caso stando alla legge il posto auto dovrebbe poter essere utilizzato in virtù del principio che ogni volta la segnaletica stradale non è chiaramente leggibile e quindi interpretabile in un solo modo lasciando adito a dubbi, l'automobilista ha sempre ragione ovvero il principio giuridico “in dubio pro reo. Questo però non esclude il fatto che il vigile possa multare chi parcheggia qui se interpreta le strisce pedonali come prevalenti sul parcheggio blu. In tal caso il cittadino dovrò appellarsi al Prefetto o al giudice di pace per vedere riconosciuto il proprio diritto. Insomma una disattenzione del Comune che rischia di costare caro alla pubblica amministrazione che di fronte all'eventuale ricorso di un'automobilista rischia di dover sostene le spese processuali.



Tag

«Report», l'indagine sulle capsule di caffè che non si smaltiscono e quelle (poche) di alluminio riciclate

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità