Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:PONTEDERA16°27°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 26 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, scontri al corteo No green pass: i manifestanti sfondano il cordone della polizia

Politica venerdì 01 aprile 2016 ore 06:30

Cin cin, è nata l'Unione del Parco Alta Valdera

Maggioranza e minoranza di Terricciola dopo il consiglio (foto da Facebook)

I consigli comunali di Terricciola, Peccioli, Lajatico e Chianni hanno approvato il recesso dall'Unione Valdera e lo statuto del nuovo ente a quattro



TERRICCIOLA — C'è chi ha fatto un brindisi augurale insieme alla minoranza, chi si è lasciato andare in un applauso collettivo nel finale sulle ali dell'entusiasmo, chi ha votato all'unanimità e chi non si è fatto mancare qualche polemica. Fatto sta che da qualche ora, al di là delle singole reazioni, l'esperienza nell'Unione Valdera dei Comuni di Terricciola, Peccioli, Lajatico e Chianni può dirsi ufficialmente conclusa.

Fra le 18 e la mezzanotte di ieri, giovedì 31 marzo, i quattro consigli comunali hanno infatti approvato - quasi in contemporanea- la loro uscita dal sovraente con sede a Pontedera e lo statuto della neonata Unione dei Comuni del Parco Alta Valdera.

Dopo mesi di dibattiti, sulla stampa e nelle segrete stanze, le quattro amministrazioni secessioniste hanno maturato la scelta di uscire da un contenitore per entrare in un altro più piccolo, con territori più omogenei e accomunati dagli obiettivi di creare un'Unione che non sia un altro Comune e di mantenere una visione strategica di una Valdera estesa che non si concentri su Pontedera, ma che da Pontedera guardi fino a Volterra.

Oltre alla nuova Unione poi, i Comuni hanno approvato anche una convenzione per la gestione associata dei servizi all'infanzia attraverso un ufficio comunale che prevede l'utilizzo "unito" degli asili nido di Peccioli e Lajatico anche da parte dei cittadini degli altri due municipi con tariffe concordate.

Dopo Crespina e Santa Maria a Monte, quindi, non una ma altre quattro sedie si svuotano nella sede di via Brigate Partigiane. Ora non resta che vedere, dopo il passo di Terricciola, Peccioli, Lajatico e Chianni, se e quale dibattito si aprirà fra gli altri Comuni rimasti.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sarà possibile ammirarla a Peccioli, dove domenica c'è il campionato dello Zuccone, con la possibilità di assistere a record mondiali
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Sport

Attualità

Politica