Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PONTEDERA19°33°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 28 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Monaco, finale clamoroso nel Q3: Perez va a muro nelle qualifiche, Sainz non riesce a evitarlo

Attualità sabato 20 novembre 2021 ore 12:00

"Troppi 125.000 euro per cantare l'inno di Mameli"

Andrea Bocelli

L'organizzazione del grande evento del tennis mondiale, le Atp Finals, decisa a rinunciare all'esibizione di Andrea Bocelli. Troppo oneroso il cachet



TORINO — Dopo l'uscita dal torneo di Matteo Berettini e Jannik Sinner, le Atp Finals sono costrette a rinunciare anche ad una altro italiano, che non è un tennista ma è il tenore Andrea Bocelli. Gli organizzatori del grande evento torinese, che chiude la stagione del tennis mondiale, avrebbero deciso di alzare bandiera bianca di fronte al cachet richiesto dal tenore di Lajatico per cantare l'inno d'Italia nella giornata conclusiva del torneo.

La rinuncia sarebbe arrivata a fronte della richiesta di 125mila euro per l'esecuzione di due brani - l'Inno di Mameli e un pezzo a scelta, del repertorio del tenore toscano.- in circa dieci minuti di esibizione.

La notizia è stata data dal quotidiano torinese La Stampa e ha presto fatto il giro del web: "Il Comitato organizzatore delle Nitto Atp Finals si è dovuto arrendere - hanno scritto -: lo show lo faranno i due migliori tennisti al mondo che si sfideranno domenica. Bastano loro, non servono altre star".

Nessun commento è per ora arrivato dallo staff di Andrea Bocelli e dalla Fondazione benefica che porta il suo nome, che di norma incassa i compensi.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono passati 50 anni da quando Giovanni Meini, Silvano Bibbiani, Rodolfo Taviani e Nicola Pisciscelli, fondarono l’azienda nel 1972.
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità