Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:30 METEO:PONTEDERA16°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 16 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Attualità sabato 04 agosto 2018 ore 11:10

Guerra dei fanghi, va tutto in discarica

Definite le quattro discariche che per quattro mesi riceveranno i fanghi di depurazione dopo lo stop del Tar lombardo allo spargimento in agricoltura



FIRENZE — E' stata firmata dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi l'attesa ordinanza che corre ai ripari dopo il divieto di usare i fanghi di depurazione per lo spargimento nei campi e dopo la sentenza del Tar che ne vieta il trasferimento in Lombardia. 

Una soluzione richiesta dagli stessi gestori con l'acqua alla gola per le difficoltà di smaltimento. Soluzione che consisterà, per quattro mesi, nel conferimento in altrettante discariche toscane: quella di Casa Rota  a Terranuova Bracciolini, quella di Gello a Pontedera, quella del Cassero a Serravalle Pistoiese e quella di Scapigliato a Rosignano Marittimo. Nel caso di Terranuova Bracciolini è prevista la posticipazione a settembre del conferimento dei fanghi per il rischio di maleodoranze dovuto alle alte temperature che si registrano nella zona d'estate. 

Le discariche, nello specifico, sono tenute ad accogliere ciascuna 1.800 tonnellate di fanghi al mese provenienti dai depuratori civili della Toscana che in media ne producono 10mila tonnellate al mese. Vale il criterio di prossimità cioè si sceglierà la discarica più vicina ai depuratori. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Numeri ancora alti quelli sui nuovi contagi giornalieri, ma nella zona tra Valdera e Valdicecina nelle ultime ore ci sono state 85 guarigioni
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità